Inchiesta campo sportivo Capistrello, in diciotto davanti al giudice



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello – Diciotto persone sono dovute comparire ieri, davanti al tribunale di Avezzano in composizione collegiale, per l’inchiesta sui lavori al campo sportivo comunale. A giudizio, oltre all’ex sindaco Antonino Lusi, sono finiti l’ex vice sindaco Alessandro Croce, gli ex assessori Francesco Piacente, Nicolino Di Felice, Arnaldo Mariani e Carmine Stati (medico), gli ex consiglieri Alfio Di Battista, Maria Vischetti, Antonello Palleschi, Alessandro Lusi e Carmine Stati (geometra), i rappresentanti della ditta che ha eseguito i lavori allo stadio Davide Fontani e Angelo Eunini, i segretari comunali di quel periodo Rocco Cuzzucoli Crucitti, Giampiero Attili e Anna D’Isidoro, il geometra comunale Dario Bucci e l’imprenditore Angelo Di Giacomo.

I reati contestati vanno dalla falsità ideologica in atti pubblici, alla turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, fino alla turbativa d’asta. I fatti si riferiscono agli anni 2011-2012 quando vennero affidati i lavori per il rifacimento in erba sintetica del campo sportivo comunale. Secondo l’accusa, alcuni degli indagati avrebbero favorito illecitamente la ditta Unieco Sport nell’aggiudicazione dell’appalto, da oltre 500 mila euro. Sotto la lente degli inquirenti sarebbero finite alcune comunicazioni via mail tra l’ex sindaco Antonino Lusi, il Rup Dario Bucci e il rappresentante della ditta aggiudicatrice Angelo Euninio.

Ai consiglieri comunali sono, invece, contestate le modalità di approvazione di una delibera di consiglio (la n° 22 del 26/11/2011) che riguardava l’assestamento di bilancio, con la destinazione di 38.000 euro ad una cooperativa sociale che si occupava di pulizia delle strade e di verde pubblico. Il reato sarebbe consistito, secondo il magistrato, nell’aver votato un documento privo del parere tecnico, con l’intento di favorire la cooperativa stessa.

L’udienza è stata rinviata a marzo per valutare il proscioglimento predibattimentale e la prescrizione ormai maturata. Il collegio difensivo è composto dagli avvocati Roberto Verdecchia, Velia Nazzarro, Moreno Di Cintio, Donatella Pizzi, Ferdinando Romano, Davide Baldassarre, Paolo Di Gravio, Alessandro Fanelli, Roberto Marini e Alfredo Iacone. Il Comune di Capistrello, che si è costituito parte civile, è difeso dall’avvocato Franco Colucci.