Incendi boschivi: a Tagliacozzo una Vasca Autoportante da 18000 litri per il rifornimento di acqua

Tagliacozzo – Arriverà in settimana a Tagliacozzo una Vasca Autoportante da 18000 litri per il rifornimento di acqua agli elicotteri in caso di incendi boschivi grazie ad una raccolta fondi su Facebook, un’iniziativa partita da un’idea di Christian Rossi, Presidente della sede volontaria della Protezione Civile di Tagliacozzo.

Oggi il nostro Comune, la Marsica e l’intero Abruzzo può contare su una Vasca Autoportante da 18000 litri per effettuare il rifornimento di acqua agli elicotteri antincendio in caso di gravi incendi boschivi” spiega il Presidente Rossi “la mancanza sul territorio di bacini idrici adeguati al pescaggio dell’acqua allunga i tempi di sgancio riducendo di fatto l’efficienza del mezzo aereo. Con la Vasca che metteremo a disposizione, supportata da una Autobotte da 5000 lt., andremo a colmare questo deficit.

Ed ancora: “tutto questo è stato possibile grazie alla collaborazione tra l’idea che mi è venuta utilizzando il social network per la raccolta fondi, in occasione del mio compleanno, e i cittadini che hanno creduto a questo progetto ed hanno cofinanziato l’acquisto insieme al NOV Protezione Civile di Tagliacozzo donando del denaro. Siamo riusciti a raccogliere circa 1.500 Euro, la metà di quanto costa la Vasca. Ma siamo molto felici di questo inaspettato risultato.

Infine Rossi ringrazia chi si è adoperato per raggiungere questo grande successo “grazie a coloro che hanno donato sia da Tagliacozzo che dall’estero e a coloro che hanno donato perché hanno creduto e sanno quanto sia importante il nostro patrimonio boschivo. Grazie a Renato De Blasis per i preziosissimi consigli tecnici. Siamo tutti i giorni operativi sul nostro territorio e collaboriamo con la sala operativa di L’Aquila e con I Vigli del Fuoco ma abbiamo intenzione di organizzare, a breve, una giornata Open-Day della Protezione Civile dove parleremo di prevenzione e vi mostreremo le attrezzature e gli automezzi. Grazie e….noi torniamo al lavoro a salvaguardare i nostri boschi con un’arma in più.