In uscita la raccolta di racconti di Roberto Cipollone, “Come i balconi di città” edito da Radici Edizioni



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello – È disponibile in libreria, da oggi, il libro di racconti, Come i balconi di città, di Roberto Cipollone, edito da Radici Edizioni, nuova realtà editoriale abruzzese, la cui produzione, come dice il suo fondatore, Gianluca Salustri, avrà un occhio rivolto alla propria regione con l’obiettivo di estrarre storie incastonate nei ricordi, o tramandate attraverso i racconti, che tuttavia meritano di essere trascritte su carta per diventare luoghi di quella memoria dove oggi, i nostri giorni affondano le proprie radici.

Come i balconi di Città è un’antologia di racconti, undici in tutto, che affrontano temi disparati ma legati da un fil rouge che li unisce in quella che appare essere la ricerca di un equilibrio fra realtà e desiderio, fra ciò che poteva essere e ciò che è stato, con la consapevolezza di rincorrere un tempo implacabile che non lascia alcuna possibilità di ritornare sui propri passi.

In alcuni racconti di questa raccolta c’è una sorta di impressionismo letterario che fotografa i dettagli di una quotidianità vissuta fin nelle più semplici sfumature, descritte e restituite al lettore con un linguaggio che offre un senso di leggerezza che fa da contraltare alla durezza dei temi trattati. Il risultato è molto efficace da rendere la lettura intensa e rapida.

Altri racconti hanno un taglio più incentrato sui sentimenti e sulle sensazioni del protagonista di turno, alle prese con un mondo vasto e multiforme che costringe a fare i conti con se stessi, in quella che appare una ricerca della propria essenza. Il tutto in un contesto in cui, essere padroni del proprio tempo diventa una sfida di resistenza, una fiera lotta contro la precarietà di un presente che va per i fatti suoi, con o senza di noi.  

Mi piace immaginare l’autore affacciato da uno di questi balconi di città, tutti uguali ma ognuno con la sua storia e il suo vissuto che li rende unici, che offrono una vista spettacolare a chi sa guardare al di là delle proprie convinzioni e oltre l’apparenza di tutto ciò che sembra.

L’opera è stata presentata in anteprima venerdì a Capistrello, nell’ambito di un aperitivo letterario presso il bar Carminella e sarà presentata ufficialmente il prossimo 19 agosto alle 18.00, a Cese di Avezzano, alla presenza dell’autore e dell’editore. Un libro dalla veste grafica accattivante ed elegante, che non fa male, da leggere, non necessariamente secondo l’ordine dei racconti, ma tenendo ben presente che ogni racconto, è uno specchio su cui ognuno potrà avere la sorpresa di trovare il riflesso di una parte di sé.