Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise conferma la certificazione della Carta Europea del Turismo Sostenibile



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pescasseroli –  I Parchi italiani i più premiati in Europa per il Turismo Sostenibile.

Ieri a Bruxelles, nella sede del Parlamento Europeo, il Presidente del Parco Nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise, Antonio Carrara, accompagnato da Daniela D’Amico e Carmelina di Loreto dell’Ufficio Promozione Comunicazione e Rapporti Internazionali, ha ricevuto dal Presidente di Europarc la certificazione della Carta Europea del turismo Sostenibile per gli anni 2018 -2022.

Per il Parco si tratta di una riconferma, a seguito del riconoscimento conseguito nel 2011, ottenuta al termine del lavoro partecipato e di concertazione, svolto nell’ultimo anno, sui tre versanti del Parco per la definizione del Piano d’Azione.

La cerimonia di premiazione delle nove aree protette italiane che hanno ottenuto o confermato quest’anno la Carta Europea del Turismo Sostenibile, seguite da cinque spagnole, tre francesi e una tedesca, si è svolta nel contesto di un confronto dei Parchi con il Parlamento Europeo, al quale hanno partecipato: Paolo De Castro, (Vicepresidente Commissione Agricoltura), Julie Ward (Commissione Cultura), Giovanni La Via (Commissione Ambiente).

Per l’Italia hanno rinnovato la Carta il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise; i Parchi Regionali Veglia -Devero – Ossola; il Parco Nazionale Val Grande; il Parco Regionale Colli Euganei; il Parco Regionale delle Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo; il Parco Nazionale della Sila e il Parco Naturale Adamello Brenta, mentre l’hanno ottenuta, per la prima volta, il Parco Regionale Alpi Apuane e l’Area Marina Protetta di Porto Cesareo.

La CETS è un processo partecipativo volontario che unisce gli operatori turistici del territorio all’Area protetta e insieme si confrontano e sviluppano azioni di rete per la crescita del turismo sostenibile. L’obiettivo è produrre benefici per le comunità e per la conservazione del patrimonio naturale.

La CETS in Italia viene curata da Federparchi – Europarc Italia che, con il contributo del Ministero dell’Ambiente e delle stesse Aree Protette, segue gli Enti Parco nell’iter che si articola in tre fasi che prevedono: la certificazione dell’Area Protetta, degli operatori turistici e dei tour operator.

Il Parco Nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise, lo scorso anno, oltre a rinnovare l’impegno per la fase I della Carta ha avviato e portato a termine anche la fase II certificando, in un processo virtuoso, 18 operatori turistici della ricettività, che nelle prossime settimane riceveranno l’attestazione.

“Sono molto soddisfatto di questo riconoscimento – afferma Antonio Carrara – Presidente del Parco Nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise, perché si tratta di un obiettivo raggiunto che premia il lavoro di tante persone che partecipano al Forum permanente e che riconferma una scelta fatta nel 2011. Sono altrettanto consapevole che il traguardo raggiunto è anche l’inizio di un ulteriore impegno, che il Parco e gli operatori del territorio si assumono per i prossimi cinque anni, per realizzare il Piano d’Azione, per allargare la partecipazione al Forum permanente di altri operatori pubblici e privati e fare in modo che la Carta Europea del Turismo Sostenibile costituisca il riferimento principale per le strategie turistiche del territorio”.





Lascia un commento