Il marsicano Federico Di Felice campione italiano di Para/Specialclimbing Lead



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – L’atleta marsicano Federico Di Felice si è aggiudicato il titolo di CAMPIONE ITALIANO LEAD al Campionato Italiano lead para/specialclimbing Cat. RP3, organizzato dalla F.A.S.I. (Federazione Arrampicata Sportiva Italiana), che si è svolto il 15 dicembre a Montebelluna (TV).

La competizione consiste nella salita con la corda dal basso su pareti lunghe tra 15 e 25 metri; l’obiettivo è raggiungere il punto più alto possibile del tracciato e la classifica viene quindi determinata dall’ultima “presa” raggiunta.

Di Felice, aiuto istruttore degli Orsi Marsicani Climbing di Avezzano, è arrivato in finale con altri tre concorrenti e, nel tracciato finale, è riuscito a raggiungere la “presa” più alta.

Un grandissimo risultato ottenuto con sacrificio e determinazione da parte dell’atleta Di Felice che da anni pratica l’arrampicata sportiva e lavora per divulgare la conoscenza di questa spettacolare disciplina sportiva, che richiede sforzo fisico e pazienza ma che, come in questo caso, sa offrire grandi soddisfazioni.

E’ stata la mia prima competizione a livello nazionale. Ero molto in ansia…del resto come tutti” dichiara Federico Di Feliceè stata una gara dove si sentiva la competizione ma in realtà si percepiva più un clima sereno e familiare. Facevamo tutti parte di una grande famiglia!”.

Ed ancora: “sono rimasto molto colpito dalla determinazione dei partecipanti con disabilità importanti e proprio grazie a questa esperienza ho conosciuto alcuni aspetti dell’arrampicata che fino a quel momento per me erano sconosciuti. Continuerò a percorrere questa strada visto che, al di là della vittoria, ho ricevuto solo risposte positive da questa esperienza e, infatti, a fine giugno parteciperò ad un master internazionale che si terrà in Austria. Ci tengo a dire che dedico questa mia prima vittoria ad una persona per me molto importante che mi segue e mi sostiene sempre, la mia ragazza Maria!”