Il giovane Daniele Paris nella lista “Avezzano Rinasce” con Gabriele De Angelis



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Riceviamo e pubblichiamo. Daniele Paris ha 24 anni, è un giovane laureato in tecniche di laboratorio biomedico ed è uno dei candidati nella lista “Avezzano Rinasce’’ in corsa verso le amministrative di Avezzano con Gabriele De Angelis.
Un giovane sportivo, collaboratore in piscina comunale e da sempre attento allo sport come valore e risorsa, crede in un’Avezzano che ha grandi potenzialità da sfruttare. Molti i progetti che il giovane candidato ha in mente:
“Avezzano deve essere un punto di arrivo per molti ragazzi e non un punto di partenza, non deve essere un posto da cui fuggire. Si può, anzi si deve, puntare a ricreare una città produttiva che possa essere appetibile per i giovani in cerca di un bel futuro da vivere’’, dichiara Paris.
‘’Lo stesso ambito in cui lavoro, molto attivo nella creazione di eventi, manifestazioni nazionali e internazionali, può offrire buone possibilità di turismo per i ristoratori, gli albergatori e gli operatori turistici avezzanesi. Avezzano può essere il centro propulsore di un turismo che coinvolge tutta la marsica e che può offrire offerte turistiche su tutti i campi: dallo sport, all’arte, all’archeologia.”
Daniele è inoltre un membro del Laboratorio Abruzzo Giovani (L.A.G), un’associazione no profit per i giovani, che con i giovani lavora per offrire eventi alla città di Avezzano e per coinvolgere quanti più ragazzi possibili a partecipare a migliorare Avezzano.
Proprio per i giovani, ad esempio, un buon obiettivo secondo Paris sarebbe quello di creare all’interno dell’amministrazione una “seconda giunta” formata unicamente da ragazzi, in modo da riportare agli amministratori le problematiche e le aspettative di quella che poi sarà la nuova generazione.
Perché, come spiega Paris: ‘’Ho una visione di una “Res publica” più a contatto con il cittadino, tramite dialogo ed incontri, così che ci sia un ponte che colleghi queste due sponde attualmente troppo lontane.’’
Conclude: ‘’ si deve puntare a creare una città produttiva in tutti i campi privilegiando l’arrivo di università, centri studio, centri sportivi e aree in cui i ragazzi possono ricrearsi. I giovani vanno coinvolti nelle attività che si svolgono, con l’incentivo di iniziative che siano momenti di crescita, socializzazione e soprattutto formazione. Bisogna favorirli nello sviluppo delle competenze necessarie alla transizione all’età adulta e alla partecipazione attiva alla vita sociale. ’’




Lascia un commento