Il coronavirus non ferma gli incivili ad Avezzano



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano –  Il coronavirus non ferma gli episodi di inciviltà, anzi sembra quasi che questo periodo di quarantena esorti i cittadini incivili a commettere azioni vandaliche nei confronti della comunità.
Sacchi della spazzatura abbandonati sui marciapiedi, contatori scassinati, guanti gettati in strada: è quello che si può “ammirare” in alcuni angoli della città. Intanto i cittadini più onesti invocano pene più severe. 《Ci vogliono più controlli》, scrive sui social la cittadinanza 《Siamo stufi di dover pagare noi per le azioni di questi cafoni》.

L’avvocato Presutti, indignato per questi atti di inciviltà, si sfoga così sui social:《Dalle vostre finestre e dai vostri privilegiati punti di osservazione, siete riusciti a scovare gli astuti cacciatori di asparagi, i  runners che ostinatamente si davano alla corsa nei luoghi più sperduti del territorio. Invece, questi sono gli unici criminali – perché sono veri e propri criminali e della peggior specie – che riescono a farla franca, anche dinanzi al più abile dei delatori. (A.G.E.)