Il Comune di Pescina contrario alla captazione del fiume Giovenco, chiesto un incontro urgente con la Regione



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pescina – Si torna a parlare, ancora una volta, della captazione delle acque del fiume Giovenco. Ne parla, attraverso un post pubblico, l’Assessore Comunale del Comune di Pescina Antonio Odorisio che, in accordo con il Sindaco Mirko Zauri e l’Amministrazione Comunale, ha richiesto un incontro urgente con la Regione per parlare dell’importante questione e per ribadire la contrarietà al progetto.

L’idea della captazione riguarda la realizzazione di una nuova rete irrigua del Fucino che, secondo diverse comunità marsicane, prima fra tutte Pescina, potrebbe rappresentare la fine del fiume.

“Si rende noto che in data 22 settembre 2021 con prot. N.9673 è stata inviata dal Comune di Pescina una mail PEC al Presidente della Regione Abruzzo Sen. Marco Marsilio, al Vice-presidente della Regione Abruzzo e al Direttore Generale ARAP Avv. Antonio Morgante, in cui viene ribadita la contrarietà di questa Amministrazione Comunale a qualsiasi captazione del fiume Giovenco a monte dell’abitato di Pescina, nell’ambito del progetto di realizzazione dell’impianto irriguo a pressione del Fucino. Pertanto, si è richiesto un incontro urgente con i suddetti per ribadire la nostra ferma posizione” dichiara Odorisio.

La captazione a monte del fiume Giovenco” prosegue e conclude l’Assessoreprovocherebbe un danno irreparabile all’habitat naturale e al paesaggio tipico della nostra Città con gravi ripercussioni economiche alle attività ricettivo-turistiche”.