fbpx

Il Circolo della Scherma “I Marsi” scrive al Commissario Passerotti in merito al divieto di usufruire delle palestre comunali

Avezzano – Non sono state ben accolte, dalle società sportive di Avezzano, le ordinanze emanate nei giorni scorsi che bloccano, di fatto, lo svolgimento delle attività sportive negli impianti comunali.
Il primo a farsi sentire, tramite la pubblicazione sui propri canali social di una lettera aperta al Commissario Passerotti, è stato il Circolo della Scherma “I Marsi”:

È con profondo rammarico che constatiamo oggi la morte dello sport nella nostra Città. Le due ordinanze che nel giro di poche ore sono state emanate dal Dirigente comunale, Arch. Pepe, certificano una sola cosa, che l’emergenza coronavirus nel Comune di Avezzano si combatte esclusivamente impedendo alle società sportive di usufruire delle palestre comunali. Per il timore probabilmente che i ragazzi che la mattina utilizzano liberamente quegli spazi in ambito scolastico, possano contrarre il virus, praticando, nel medesimo luogo, un’attività sportiva nel pomeriggio. Ha un senso tutto questo? E poi, perché solo lo sport?

Non è stata ritenuta corretta e sensata la scelta di fermare solo le discipline sportive e di non chiudere altri punti ricreativi, dove i ragazzi svolgono altre attività, come biblioteche, scuole di teatro etc.

Perché solo lo sport? Questa è la domanda alla quale, Commissario, le chiediamo di rispondere. Come associazione sportiva sono tanti i sacrifici che quotidianamente facciamo per permettere la diffusione di uno sport “minore” come la scherma.

Lo stop agli allenamenti, non solo per gli schermidori, rischia di intaccare la programmazione dei vari atleti e quindi di compromettere i loro risultati che portano lustro a tutta la città.
Prosegue la lettera:

Allenarci per noi è indispensabile per competere a livello nazionale. Finora lo abbiamo fatto con risultati eccellenti. Da oggi la nostra Città ce lo impedisce, con un provvedimento iniquo di cui non comprendiamo nè la necessità, nè l’urgenza.

L’augurio finale è quello di un cambio di posizione da parte dell’amministrazione cittadina, di una retromarcia che cancellerebbe una manovra non molto sensata:

Ci scusi lo sfogo, ma per noi sarà doloroso dire ai nostri giovani atleti che da oggi per loro sarà impossibile allenarsi e partecipare alle competizioni che da tempo sognano. È penoso negare il sogno a dei ragazzi. Nella speranza che possiate cambiare idea e in qualche modo possano mutare le cose, la salutiamo cordialmente.
Il Circolo della Scherma “I Marsi”

 

LEGGI ANCHE

[jnews_block_12 number_post=”1″ include_post=”390207″]

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0.00
Send this to a friend