Il candidato M5S Eligi su campagna elettorale: Chiediamo il rispetto delle regole”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Riceviamo e pubblichiamo la nota inviata alla stampa dal Movimento Cinque Stelle di Avezzano.

“I fatti di ieri (domenica, ndr) ribadiscono quanto per De Angelis valga poco il rispetto delle regole e come il suo modo di fare politica sia imperniato sulla mistificazione della realtà. Nulla di nuovo, insomma, rispetto alle scelte del suo ex compagno di squadra ed attuale Sindaco Di Pangrazio” così interviene Francesco Eligi candidato sindaco M5S su quanto accaduto ieri in piazza Risorgimento, dopo che un gruppo di candidati di De Angelis ha occupato abusivamente per tutta la giornata lo spazio riservato ai comizi.

“Le norme che regolano la campagna elettorale” spiega Eligi “sono chiare ed impongono che per lo svolgimento di eventi e comizi nei luoghi pubblici, come le piazze, sia obbligatoria l’autorizzazione da parte del Comune. Allo stesso tempo, però, fanno anche divieto ad altre forze politiche di essere contestualmente presenti. Nonostante le regole chiare e nonostante il M5S fosse stato regolarmente autorizzato a tenere un comizio in piazza Risorgimento alle 18.30, alcuni candidati di De Angelis non hanno voluto ascoltare ragioni quando sono stati invitati a smontare il loro gazebo. A questo punto, siamo stati costretti a richiedere l’intervento della polizia locale che ha fatto sgombrare gli abusivi”.

“Da un lato”, sottolinea Eligi, “abbiamo l’attuale Sindaco che chiede alla prefettura di non rispettare le regole ed evitare così di rimuovere le costose vetrofanie che addobbano abusivamente molte fra finestre, balconi e vetrine della città. Dall’altra parte abbiamo De Angelis, ex assessore dell’attuale maggioranza, il quale con grande opportunismo politico dichiara di aver aderito a delle regole che per primo sta continuando a violare. Su questi presupposti, appare evidente come, sia Di Pangrazio, sia De Angelis, non conoscessero le regole che disciplinano la campagna elettorale e come, una volta apprese, abbiano fatto di tutto per non doverle rispettare. Insomma, oltre ad aver condiviso la cattiva gestione della nostra città per più della metà dello scorso mandato, ad oggi condividono anche uno scarso senso di legalità e rispetto delle regole”.

“Insieme a un programma concreto e fattibile”, conclude Eligi, “siamo certi che la conoscenza delle regole e il rispetto di quest’ultime siano caratteristiche fondamentali per chi si candida al governo della città”.

 




Lascia un commento