Help Senza Confini per i bambini del Congo, in missione anche tre avezzanesi



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – in occasione del primo incontro organizzato all’interno del programma di formazione rivolto al personale educativo e docente in servizio nelle strutture che erogano servizi per la prima infanzia nelle strutture accreditate dal Comune di Avezzano, il docente Francesco Barone ha ricevuto dal sindaco di Avezzano Gabriele De Angelis un encomio:

  • “Per il prezioso contributo fornito nel corso degli anni nell’ambito dei servizi educativi e scolastici, nonché nell’ambito delle iniziative culturali nella Città di Avezzano.
  • Per l’instancabile impegno umanitario a favore delle popolazioni povere dell’Africa.
  • Per gli interventi concreti verso i bambini orfani, i bambini soldato e i bambini ospedalizzati.
  • Per l’inesauribile attività di sensibilizzazione sui temi e sui valori della Pace, della solidarietà e dei diritti umani”.

Help Senza Confini per i bambini del Congo, in missione anche tre avezzanesiDurante l’evento, che si è tenuto in Comune, il professore Barone ha reso noto che ad agosto prenderà vita una nuova missione umanitaria per i bambini che vivono in Congo in condizioni di marginalità e ne faranno parte anche tre avezzanesi: Gianluigi Zauri, Ramona Torretta e Mara Longo. Nel dettaglio la nuova missione prevede che una delegazione di volontari dell’Associazione Onlus Help senza confini, partirà il prossimo mese di agosto con destinazione Goma (Repubblica Democratica del Congo).
Unitamente a Francesco Barone, parteciperanno alla missione umanitaria anche tre volontari avezzanesi: Gianluigi Zauri, Ramona Torretta e Mara Longo. Lo scopo del viaggio è quello di portare aiuti umanitari alle popolazioni che vivono in condizioni di estrema vulnerabilità. Nei precedenti anni, Help senza confini, ha avviato progetti di cooperazione finalizzati a sostenere due strutture che ospitano i bambini orfani di Goma: Mama wa wote e Flamme d’amour.
Durante la prossima missione saranno consegnati i fondi raccolti attraverso diversi eventi di beneficenza, le medicine, i vestiti, le scarpe e il materiale didattico. Si procederà con il sostegno a favore degli ex bambini soldato, ospiti di una struttura di recupero della città congolese, nonché con interventi mirati per consentire le dimissioni dei minori ricoverati negli ospedali e le cui famiglie molto povere, sono impossibilitate a pagare le spese sanitarie. Altri interventi, riguarderanno i bambini di strada e azioni tese a consentire la scolarizzazione di numerosi bambini.
E’ prevista la visita presso l’ospedale Panzi nella città di Bukavu, al fine di incontrare Denis Mukwege, premio Nobel per la pace 2018. Già da diversi anni, i tre volontari marsicani, sono impegnati nelle attività di sensibilizzazione riguardanti i temi della pace, dei diritti umani e del rispetto delle diversità, e inoltre, hanno ideato e realizzato interventi concreti per rispondere alle differenti esigenze di chi, in Africa,  vive in condizioni di sofferenza e marginalità.