Guasti dell’illuminazione pubblica e cani randagi, disagi a Corcumello



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello – “Da più di dieci giorni nella frazione di Corcumello i residenti sono alle prese con disagi dovuti a ripetuti guasti dell’illuminazione pubblica e alla presenza di numerosi cani randagi che girovagano nelle strade. Una combinazione di problemi che ha destato l’indignazione dei residenti.

Con questa amministrazione comunale i problemi durano settimane prima che qualcuno se ne occupi: lo abbiamo visto con la contaminazione dell’acqua nella scuola di Santa Barbara, problema perdurante per più di un mese, ma lo vediamo anche con l’incredibile disinteresse per i disagi nelle frazioni” commenta il capogruppo di opposizione Francesco Piacente “certi convegni proposti dal sindaco sul rilancio dei borghi sono solo un’ipocrisia se poi si lascia una frazione al buio e invasa dai randagi per settimane.

Per giorni e giorni l’illuminazione pubblica ha presentato seri guasti fino a lasciare al buio completamente anche la parte alta del borgo e anche oggi, dopo gli interventi effettuati, lungo la strada di ingresso al paese funzionano solo la metà dei lampioni. Un disinteresse inaccettabile da parte del comune, soprattutto in un periodo in cui i furti sono all’ordine del giorno e in una zona in cui diverse famiglie hanno purtroppo già avuta la visita spiacevole dei ladri.

Una condizione di abbandono per Corcumello della quale dobbiamo ringraziare qualche mediocre portatore di voti che ha distribuito i suoi quattro consensi per interesse personale, lasciando il paese senza rappresentanti in Giunta e, dunque, fuori dai programmi di questa amministrazione. Addirittura qualcuno ha provato a giustificare il disagio scaricando le responsabilità su Enel: nulla di più falso. La gestione della rete di illuminazione pubblica è comunale e l’amministrazione deve provvedere con diligenza ad evitare disagi”.




Lascia un commento