Graduatorie per le supplenze, 20.762 le istanze inoltrate in Abruzzo. Le tempistiche stilate dalla Cisl



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – In Abruzzo sono 20.762 le istanze inoltrate per l’inserimento nelle Gps ( Graduatorie provinciali per le supplenze). Numeri che rientrano nel totale delle 753.750 delle domande presentate in tutta Italia per l’inserimento nelle Graduatorie provinciali e di istituto per le supplenze pervenute entro i termini, che scadevano alle 23.59 dello scorso giovedì 6 agosto.

Per la prima volta, rispetto agli anni precedenti, la procedura è stata completamente digitalizzata. Elenchi questi, attraverso i quali verrà chiamato il personale per le supplenze annuali o per quelle più brevi.

Un numero alto, forse prevedibile per tutti gli aspiranti docenti. A commentare i dati, Cosimo Faella, assistente amministrativo presso l’Istituto “Majorana” di Avezzano e nuovo responsabile territoriale Cisl Scuola Abruzzo e Molise del polo di Avezzano di via Monte Velino.

Numeri così alti erano prevedibili anche in considerazione del fenomeno delle mad (messe a disposizione ndr) degli anni passati: ora il lavoro passa agli uffici scolastici provinciali il quale valuterà le domande con l’ausilio delle scuole Polo. Un lavoro complesso e delicato – afferma l’esponente della Cisl – considerando anche i tempi ristretti dal momento che le GPS dovranno essere pronte entro il 28 agosto”.

Dopo i tempi stringenti, le attese ‘bibliche’ e tutte le anomalie riscontrate sul sito del Miur per arrivare alla procedura, ora si aspetta la pubblicazione delle graduatorie, momento ‘clou’ dei tanti che aspirano a salire in cattedra.

Le nuove pubblicazioni provinciali – continua Cosimo Faellaverranno messe a punto entro la fine di agosto. La pubblicazione avverrà attraverso il sto istituzionale dell’ATP prescelto. Mentre, per quanto attiene alla stesura degli elenchi delle nuove graduatorie d’Istituto ricavate dalle GPS, i candidati potranno consultare nuovi elenchi direttamente sui portali scolastici delle istituzioni ambite”.

Importante da evidenziare – chiosa in ultima battuta Faellaè un’altra novità: diversamente dagli anni passati, il sistema informatico consentirà all’aspirante docente di verificare in prima persona l’inserimento e la valutazione corretta dei titoli e dei servizi direttamente sul sito del Miur attraverso la postazione di istanze online”.