Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita: Palazzo dell’Emiciclo si illumina di arancione



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

L’Aquila – In occasione della “Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”, che si celebra oggi, 17 settembre, il colonnato di Palazzo dell’Emiciclo, all’Aquila, sede del Consiglio regionale dell’Abruzzo, è stato illuminato di arancione. Quest’anno, inoltre, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha scelto di dedicare la Giornata nazionale per la sicurezza dei pazienti (World Patient Safety DAY), che ricorre nella medesima data, al tema dell’ “assistenza materna e neonatale sicura”.

Un’area dell’assistenza sanitaria che necessita ancora oggi, a livello globale, di una particolare attenzione in termini di sicurezza alla luce del significativo impatto sullo stato di salute fisico e psichico a cui potrebbero essere esposti donne e neonati quando ricevono cure non sicure.

In particolare, la “Giornata Mondiale della Sicurezza del Paziente 2021” si pone di raggiungere i seguenti obiettivi: aumentare la consapevolezza globale sui temi della sicurezza materna e neonatale, in particolare durante il parto; coinvolgere più parti interessate e adottare strategie efficaci e innovative per migliorare la sicurezza materna e neonatale; rafforzare le azioni poste in essere da decisori politici, operatori sanitari e cittadini per incrementarne il valore e l’impatto, al fine di garantire a tutti cure materne e neonatali sicure; sostenere l’adozione delle migliori pratiche presso il punto di erogazione dell’assistenza per prevenire rischi evitabili e danni a tutte le donne e ai neonati durante il parto.

In occasione di questa ricorrenza, dunque, l’OMS ha inviato i Paesi aderenti, oltre ad organizzare iniziative di sensibilizzazione, a promuovere la simbolica illuminazione in colore arancione di monumenti o spazi pubblici. L’iniziativa è condivisa con la Conferenza dei Presidenti delle Assemblee Legislative delle Regioni.

Fonte: Consiglio regionale dell'Abruzzo