Giornata della memoria 2019, due importanti appuntamenti



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Il Teatro Dei Colori, propone due importanti appuntamenti per la “Giornata della memoria 2019”
in collaborazione con Assessorato alla Cultura e Ufficio Teatro del Comune di Avezzano e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Pescina.

  • 24 gennaio 2019, ore 11,00 al TEATRO DEI MARSI di AVEZZANO IL TEATRO EIDOS presenta LA MUSICISTA DI AUSCHWITZ
  • 25 gennaio 2019, ore 10,30 al TEATRO SAN FRANCESCO DI PESCINA TEATRO DEI COLORI presenta “IL SOGNO DI DRESDA”.

SCHEDE

IL TEATRO EIDOS
LA MUSICISTA DI AUSCHWITZ

liberamente ispirato a “La ragazza con la fisarmonica” di Esther Béjarano, drammaturgia e regia Virginio De Matteo con Raffaella Mirra, Mimmo Soricelli, fisarmonica Eduarda Iscaro, chitarra Vincenzo Matteo scenografia Claudio Mirra, costumi Nico Celli, luci e fonica Ada De Matteo

Esther è una giovane ebrea tedesca che sopravvive ad Auschwitz grazie ai sui studi in musica. Arrivata nel lager le
chiedono: “Cosa sai fare?”, e lei: “Suono il piano”. Le danno una fisarmonica e la inseriscono nell’orchestra del campo di Auschwitz, dove sopravvive fino all’arrivo dei Russi. Lo spettacolo narra le vicende della sua vita, dall’adolescenza alla deportazione fino alla liberazione; per passare all’approdo in Palestina e al suo ritorno in Germania, dove riprenderà la sua carriera di musicista.
Esther è un’artista, una donna del novecento, libera nel suo protagonismo femminile, praticato più che rivendicato. Lei, che ha perso o abbandonato più patrie, ha sempre trovato la forza di ricominciare una nuova vita fondata sulla musica, sull’antifascismo e sull’amore verso la famiglia e gli amici disposti a condividere con lei le battaglie politiche; ha sempre trovato la forza per lottare contro l’intolleranza, la discriminazione e l’esclusione. Il racconto della sua vita, recitato dagli attori, è intervallato da musiche e canzoni del ventesimo secolo, eseguite dal vivo. Una fisarmonica e una chitarra conducono lo spettatore in un mondo dalle sonorità ancestrali, dove trovano la loro genesi la musica popolare e la musica colta del novecento. Un modo coinvolgente per raccontare e per non dimenticare una delle tragedie più immani del secolo scorso.

TEATRO DEI COLORI
“Il Sogno di Dresda”

Liberamente ispirato a Mattatoio n.5 di Kurt Vonnegut
Regia, Drammaturgia, Spazio Scenico: Valentina Ciaccia , interprete Andrea Tufo, tecnica Boris Granieri, organizzazione Gabriella Montuori

Billy Pilgim viaggia nel tempo e nello spazio, nella sua mente ogni istante della vita è mescolato, e fluisce senza soluzione di continuità, in un vortice di memoria. Il caos di Billy è la domanda senza risposta del ‘900. La superficie della Luna, un campo di battaglia bombardato, un ghetto in fiamme, un viaggio interstellare … nel dolore e nella follia, la mente si libera nel gioco … Nella libertà creativa del bambino e dell’artista. Liberamente ispirato a Mattatoio n.5 di Kurt Vonnegut, uno spettacolo tragicomico, dove non ci sono vincitori o liberatori, dove la storia non è scritta dai vincitori, e dove tutti sono sconfitti. Il giudizio non serve emetterlo, di fronte all’unica cosa davvero importante, la sacralità della vita. In scena un giovane attore, giovane come i ragazzi che
nella Seconda Guerra mondiale si immolarono in una insensata “Crociata dei bambini”.
Parte integrante della drammaturgia, dati storici e documenti sugli eventi della Seconda Guerra Mondiale. Uno spettacolo nato dalla collaborazione tra giovani artisti, per raccontare ai ragazzi delle scuole,in modo innovativo e coinvolgente, la memoria più vecchia e pesante che tutti noi siamo costretti a portarci dentro.

Una produzione Teatro dei Colori In collaborazione con Pietraluna e Sthocastic Resonance Collettivo Artistico per le Arti Digitali




Lascia un commento