Gioia, la giornata ecologica che batte gli incivili



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Gioia dei Marsi. Quasi 500 chili di rifiuti avviati al recupero, 80 chili di apparecchiature come frigoriferi, 30 chili di apparecchi tv, monitor e altro. Ancora: 50 chili di rifiuti legnosi e 50 di quelli tessili, 280 di ingombranti e oltre 620 chili di rifiuti indifferenziati. Tra gli altri, anche alcune dentiere gettate come se nulla fosse, in mezzo ai prati.

Sono questi i risultati delle pesature dell’Aciam, la società partecipata presieduta da Lorenza Panei, che ha raccolto e pesato (e per quello che è possibile ha avviato al recupero) i rifiuti a seguito della giornata ecologica organizzata dall’amministrazione comunale di Gioia dei Marsi.

Guanti e sacchi alle mani, il sindaco Gianclemente Berardini insieme ai ragazzi della protezione civile coordinati da Luigi Aratari, la polizia locale e tanti altri cittadini volontari, ha ripulito la bella cittadina immersa nel verde del parco, dai rifiuti abbandonati in natura.

I tanti volontari, che non si sono fatti scoraggiare nemmeno dalle scarpate e dalle altre zone impervie, hanno raccolto in tutto, oltre una tonnellata di rifiuti.

«Sicuramente è positivo che così tanti ragazzi rispondano a questo tipo di iniziative» commenta il sindaco Berardini, «ma va rilevato un dato di fondo che è la diffusa e grave insensibilità delle persone che si rendono responsabili di questi atteggiamenti. Per pochi incivili che gettano i rifiuti in natura», va avanti il primo cittadino di Gioia, «ci rimettono tutti i cittadini, che poi vedono aumentarsi le tasse. Queste pesature con cifre così importanti, infatti, quasi sempre, alla fine dell’anno, vanno a sforare i progetti per cui si sono fatti i contratti».

A Gioia le zone più a rischio sono quelle limitrofe alla strada regionale 83.

«L’attività di verifica per individuare i responsabili va avanti», conclude il sindaco, «è chiaro che chi sbaglia dovrà pagare. Anche perché noi amministratori abbiamo il compito e il dovere di ripulire le nostre città, come vuole la legge, ma sicuramente chi è così tanto incivile non può passarla liscia».

gioia1 gioia2 gioia3 gioia4 gioia5 gioia6 gioia7 gioia8 gioia9 gioia10 gioia11 gioia12 gioia13 gioia14




Lascia un commento