Fresche correnti orientali soffieranno sulla Marsica



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Nel corso delle prossime ore, la discesa d’aria fredda sull’Oceano Atlantico centro-settentrionale, favorita da una profonda area depressionaria di matrice extratropicale, favorirà una breve o temporanea risalita d’aria caldo-umida di origine nord-africana, insieme a una zona di alta pressione. Di conseguenza, la depressione invaderà la Gran Bretagna spostandosi verso est, cosicché la coda della perturbazione, raggiungerà l’Europa centro-occidentale e attraverserà anche le nostre regioni settentrionali. In genere, la coda di una perturbazione è la parte meno intensa di un’area di bassa pressione. Tuttavia, la maggior parte dei cumulonembi accelereranno i loro moti convettivi e le correnti ascensionali diverranno più intense non solo per via del calore latente di condensazione, ma anche a causa della convergenza dell’aria più fredda in quota con le correnti più calde e umide di matrice Subtropicale che soffieranno dall’alta verso la bassa pressione, dando luogo a piogge e temporali localmente anche forti su tutto il Nord Italia. Su di esse contribuirà anche il complesso aspetto orografico dell’arco alpino. L’aria fresca nord-atlantica che porteranno verso il basso le correnti discensionali dei temporali, innescherà un brusco crollo delle temperature sia minime che massime, mentre al Centro-Sud aumenteranno almeno fino a domenica, quando, proprio ad inizio settimana, la perturbazione, giunta sui Balcani, innescherà l’afflusso d’aria più fresca e secca verso le nostre regioni centrali/meridionali adriatiche, tramite tesi venti nord-orientali che favoriranno un momentaneo crollo della colonnina di mercurio. Le temperature torneranno a salire già da metà settimana per via dell’attenuarsi di tali correnti d’aria più fresca.




Lascia un commento