Fisica dei materiali, grande successo per la scuola di perfezionamento organizzata a Shanghai dal professore Stroppa



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. E’ stato un grande successo la prima edizione della “Shanghai International Crystallographic School working with Bilbao Crystallographic Server” organizzata da Alessandro Stroppa, fisico del Cnr e professore a contratto dell’Università dell’Aquila, in collaborazione con il professor Wei Ren della Shanghai University (SHU) e dell’International Center for Quantum Molecular Structures (ICQMS).

“Collaboro con SHU come distinguished visiting professor e ho instaurato un’intensa attività di ricerca nella fisica dei materiali in collaborazione con il CNR. SHU è una realtà molto dinamica, competitiva e altamente finanziata nel campo della ricerca. Ho avuto l’idea di organizzare questa scuola di perfezionamento per giovani ricercatori a Shanghai, nell’applicazione dei principi di simmetria (teoria dei gruppi) alla fisica dei materiali in combinazione con simulazioni al computer delle proprietà dei materiali”, spiega il docente avezzanese, “abbiamo ottenuto la partecipazione di oltre 100 studenti provenienti dalle migliori istituzioni scientifiche orientali. Le lezioni sono state tenute da me e da vari invited lecturers di fama mondiale, dalla mattina alla sera. Non sono mancate discussioni e approfondimenti sulle tematiche del giorno nei dopocena. Una scuola intensa e molto stimolante per i giovani ricercatori, che in prospettiva, apre ad ulteriori collaborazioni scientifiche con la Cina la quale sicuramente riveste un ruolo molto importante nella ricerca scientifica a livello internazionale”.

“Sono stati istituiti premi per i migliori studenti Una grande soddisfazione da parte degli organizzatori e con un pensiero già alla prossima edizione”, conclude Stroppa.

La scuola è stata finanziata, oltre che da SHU, anche dall’International Center for Theoretical Physics (ICTP, Trieste) e dall’IUCR (International Union of Crystallography).




Lascia un commento