Ferma in autostrada a 40 gradi, chiusa in ambulanza. L’odissea di una malata oncologica avezzanese



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Malata oncologica, appena dimessa dall’ospedale dell’Aquila dove nemmeno aveva potuto ricevere delle cure specialistiche perché le è stato diagnosticato un focolaio di polmonite.

Eppure è rimasta oltre un’ora, ferma in autostrada: l’ambulanza si è rotta.

“Mia madre respirava grazie all’ossigeno del respiratore”, racconta la figlia della donna che era con lei sull’ambulanza, “siamo partite la mattina verso le otto e mezza. Dovevamo andare al San Salvatore per la somministrazione di una terapia specialistica. La terapia non è stata fatta”, continua la figlia dell’avezzanese, “e già questo secondo me è un primo disguido perché ci hanno fatto arrivare fino a L’Aquila per un nulla di fatto. Al ritorno è successo l’indicibile. Storie incredibili che le persone non dovrebbero nemmeno trovarsi a raccontare”.

“Abbiamo sentito un fortissimo rumore”, dice la giovane, “la marmitta rotta mi sembra. Il personale dell’ambulanza è stato gentilissimo e qualificato. Anche loro erano molto frustrati. Ho cercato di rasserenare mia madre e con un piccolo ventilatorino che avevamo portato noi ho provato a farla respirare. Eravamo forse a 40 gradi. Bloccate in ambulanza in piena autostrada. È questo un paese civile? Ma come è possibile una cosa del genere nel 2017? Abbiamo atteso”, conclude, “l’arrivo di un nuovo mezzo, penso sia arrivato da Capistrello. Mia madre e nessun paziente malato in queste condizioni meriterebbe mai un trattamento del genere. Per avere ambulanze nuove che bisogna fare in Italia? Farle acquistare dai privati? È normale? La Asl come usa i soldi? Pagando i compensi dei dirigenti?”




Lascia un commento