È morto l’avezzanese Stefano Bove, dipendente dell’Unioncamere di Teramo. Il cordoglio della città



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. È stato trovato senza vita, stroncato da un infarto, Stefano Bove, 48enne di Avezzano, dagli anni dell’università residente a Teramo.

È morto l'avezzanese Stefano Bove, dipendente dell'Unioncamere di Teramo. Il cordoglio della cittàBove è stato trovato senza vita nel suo appartamento di via Francesco Paolo Tosti, nel quartiere di Fonte Baiano. Era un dipendente dell’Unioncamere.

A dare l’allarme e a richiedere l’intervento dei vigili del fuoco sono stati i famigliari, allertati dai colleghi di lavoro che non lo sentivano e vedevano da due giorni.

Sul posto sono intervenuti anche i sanitari del 118 che però non hanno potuto fare altro che constatare la morte.

Secondo i soccorritori Bove stava per mettersi a letto, ieri sera, quando è stato stroncato da un malore. La morte risalirebbe ad almeno 12 ore precedenti dal ritrovamento.

Sul corpo non sono stati trovati segni di violenza e per questo la salma è stata subito riconsegnata ai parenti.

I funerali ci saranno molto probabilmente domani, ancora non si conosce l’orario.

Bove era molto conosciuto a Teramo e in tutta la Marsica. Una persona di spirito e dall’ironia coinvolgente, con un’intelligenza singolare. Suo fratello, Andrea Bove, è un noto giornalista, attivo nel movimento “Riconquistare Avezzano”, anche candidato alle prossime elezioni. Il padre, Benito, è stato presidente della Camera di Commercio.

“Tutto il nostro gruppo”, commenta il professore Stefano D’Andrea, candidato sindaco della lista civica che si presenterà alle prossime elezioni amministrative, “si stringe intorno al dolore di Andrea e di tutta la famiglia Bove”.

“Faccio le mie più sentite condoglianze ad Andrea e a tutta la sua famiglia, sono legato a tutti loro da un profondo affetto”, commenta l’amico di sempre Crescenzo Presutti, che a stento riesce a trattenere le lacrime, “mi ricorderò sempre delle nostre serate a Teramo. Era un goliardico, una persona bella, di compagnia. Tante risate. Prendeva la vita in un modo tutto suo. Con quelle serate adesso sono sicuro che farà divertire gli angeli. Adesso la sua chitarra la suonerà per loro”.

“A nome di tutta la città di Avezzano e dell’amministrazione comunale”, commenta il sindaco Gianni Di Pangrazio, “faccio le condoglianze alla famiglia Bove”.

Foto Emmelle.it




Lascia un commento