Dopo 72 anni tornano ad Aielli le spoglie del soldato Mario Marco Angeloni



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Aielli – Abitava a pochi metri di distanza dal luogo in cui è stato definitivamente sepolto, ieri, in una cerimonia che ha toccato i cuori di tutti i presenti. Scese le scale di casa 72 anni fa per partire in guerra senza sapere che quel “ciao” detto alle persone a lui più care sarebbe stato un addio. Ieri le sue spoglie hanno fatto ritorno a casa grazie al lavoro congiunto del sindaco di Aielli, Enzo Di Natale, e dei familiari di Mario Marco Angeloni, che hanno ritrovato dopo lunghe ricerche il suo corpo seppellito nel cimitero militare italiano d’onore di Francoforte sul Meno in Germania, e ne hanno chiesto il rimpatrio.

Marco è tornato – ha scritto ieri in una nota il primo cittadino – . Partì nel 1941 a soli 20 anni, catapultato nel l’inferno del fronte. Il 9 settembre 1943 i nazisti lo fecero prigioniero e lo internarono in un campo di prigionia. Lì trovò la morte, dopo atroci sofferenze, dopo due anni di stenti e di umiliazioni. Fu sepolto nel cimitero militare italiano d’onore di Francoforte sul Meno, riquadro F, fila 8, tomba 19.È tornato a casa oggi, 25 ottobre 2017, 72 anni dopo”.

“Finalmente – ha proseguito Di Natale – la famiglia avrà una tomba su cui piangere e gli aiellesi una lapide su cui poter deporre un fiore. Da oggi sarà la sua terra ad accudirlo, i suoi monti a proteggerlo. La tumulazione privilegiata, sotto il nostro monumento ai caduti, è a memoria di tutti gli aiellesi morti durante le due guerre mondiali ed è anche un riconoscimento postumo ad una famiglia, la famiglia Angeloni, a cui la barbarie del secondo conflitto strappò tre figli. Le sue spoglie, quindi, diventano un simbolo e si trasformano in un monito per le future generazioni: la guerra è miseria, la guerra è morte.”

Ad accogliere il soldato Angeloni, alle 11.30, c’erano le istituzioni locali, don Antonio Allegretti, i familiari, esponenti di varie associazioni e molti cittadini. Un corteo ha accompagnato il feretro ai piedi del monumento ai caduti di Aielli, dove Mario Marco Angeloni è stato sepolto in rappresentanza di tutti i caduti di tutte le guerre.

Nel suo discorso prima della tumulazione, don Antonio ha detto: “La morte, anche se avvenuta tanti anni fa, rappresenta sempre una ferita aperta. Mi sono emozionato a vedere come la sorella abbia accolto la piccola urna in lacrime. Le guerre strappano via vite giovani, come nel caso di questo soldato, partito ventenne dalla sua Aielli e non tornato”.

Il 1 novembre alle ore 11.30, ci sarà una cerimonia solenne.




Lascia un commento