Dopo 10 anni di burocrazia una professoressa ottiene dal Miur il riconoscimento dei propri diritti nella ricostruzione della carriera


Marsica. Con una sentenza di merito pubblicata dalla Corte d’Appello di L’Aquila ha respinto l’appello del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e ha confermato la sentenza emessa dal Tribunale di Avezzano sezione Lavoro che aveva condannato l’amministrazione scolastica a ricostruire la carriera di un’insegnante del Liceo Scientifico di Avezzano con i criteri indicati dall’art. 485 del d.lgs. n. 297/94 e a corrisponderle le differenze retributive connesse alla posizione stipendiale così maturata.

Ha così riconosciuto il diritto della docente a scegliere il trattamento più favorevole.

L’insegnante in servizio presso il Liceo Scientifico Statale “Vitruvio Pollione” di Avezzano con contratto a tempo indeterminato ha iniziato il proprio servizio nel ruolo del personale docente di scuola elementare nel 1983.

Dal 2001, è stata assunta a tempo indeterminato, a seguito di passaggio di ruolo alla scuola secondaria statale di II grado, superando il periodo di formazione nel 2002.

Ai fini della ricostruzione di carriera, rivolgeva domanda di riconoscimento dei servizi prestati e, riscontrando che le era più favorevole il riconoscimento di 4 anni + 2/3 del precedente servizio fatto in qualità di personale docente di scuola elementare rispetto alla cosiddetta “temporizzazione”, chiedeva l’applicazione del trattamento più favorevole.

L’Ufficio Scolastico Provinciale di L’Aquila, pur ritenendo del tutto legittima la richiesta, non provvedeva a causa di un problema con il programma inserito nel Sistema Informativo predisposto su base nazionale.

La docente è stata costretta a rivolgersi ad un legale e a percorrere un lungo iter processuale culminato con la sentenza del Tribunale di Avezzano che nel 2015 ha accertato il suo diritto ad ottenere la ricostruzione della carriera, a fini giuridici ed economici, con i criteri indicati dall’art. 485 del d.lgs. 297/94 ed ha condannato il MIUR al pagamento delle differenze retributive connesse alla posizione stipendiale così maturata, oltre agli interessi legali sulle somme via via maturate sino al saldo, per un totale di circa 25mila euro.

A sostenere le ragioni dell’insegnante è stato l’avvocato Andrea Cascianelli (nella foto).

La Corte d’Appello di L’Aquila, ribadendo un principio definitivamente consacrato dalla recentissima sentenza n. 9144 del 6 maggio 2016 della Suprema Corte a Sezioni Unite, ha rigettato l’appello del MIUR ed ha confermato la sentenza del Tribunale di Avezzano.


Invito alla lettura

Ultim'ora

Canzoni d’amore tra Racconti di guerra, questa sera all’Arena Mazzini di Avezzano

Avezzano – Canzoni d’amore tra Racconti di guerra è un Concerto-Performance d’attualità in cui la narrazione tematica e i canti scelti sono tenuti insieme da grande poeticità e discrete azioni teatrali ...


Capistrello si prepara a dare l’ultimo saluto a Cosimo Musichini

Capistrello – La scomparsa improvvisa e inaspettata di Cosimo Musichini ha gettato nella costernazione l’intera popolazione di Capistrello. L’uomo, di soli 42 anni, è stato ...

Rifiuti di bombe anche nel parco del Sirente, SOA “pulire e bonificare i vecchi poligoni nei parchi”

“Centinaia se non migliaia di pezzi di bombe sparsi in montagna su ettari e ettari del Parco regionale del Sirente-Velino in provincia di L’Aquila: è ...

La Presentosa “adorna” la Maiella

Dalla Maiella  alla Costa dei Trabocchi per valorizzare le bellezze dell’Abruzzo. Questo lo scopo per il quale una riproduzione in legno della Presentosa, capolavoro dell’arte ...

Presentata la terza edizione di “Cavalli sotto le Stelle”: la grinta dell’equitazione sotto il cielo stellato di Avezzano

Ospite d’eccellenza, in esclusiva per l’edizione 2022, la Fanfara della Polizia di Stato. Gli organizzatori: “Quest’anno ospiti di fama internazionale, provenienti da tutta Europa; attesa ...



Lascia un commento