Domenica la tradizionale “Festa del Narciso” a Rocca di Mezzo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Rocca di Mezzo – Domenica 27 maggio, dalle ore 15:30, si svolgerà a Rocca di Mezzo la 72esima edizione della Festa del Narciso, festa simbolo del paese ed una delle più importanti tradizioni popolari d’Abruzzo.

L’ultima domenica di maggio, da ormai oltre settant’anni, sfilano lungo le strade principali del paese i carri decorati con i narcisi che in Primavera fioriscono spontaneamente sull’Altopiano delle Rocche, rendendo il panorama ancora più suggestivo.

Il paese che sorge a 1321 metri di altezza diventa, in questa occasione, un enorme prato bianco pieno di narcisi.

La Festa risale al lontano 1947 quando in pieno dopoguerra un gruppo di giovani del paese diedero luogo ad una festa per cercare di alleviare i dolori che il conflitto aveva lasciato. Con carri trainati da mucche vestite a festa ed ammantate dalle tradizionali coperte abruzzesi i giovani diedero il via ai festeggiamenti. Fu un vero successo.

Inizialmente però la Festa dei Narcisi consisteva in una sfilata di carri rudimentali ispirati alle tradizioni e al folklore dell’Abruzzo; oggi, invece, la costruzione dei carri è sempre più elaborata. Si realizzano vere e proprie scenografie ispirate dalla storia locale o anche dalla letteratura, per attirare migliaia di spettatori. I “costruttori” lavorano tutto il mese di Maggio sulla struttura e l’ultima settimana è la più intensa. Le ragazze si dedicano alla raccolta dei narcisi mentre i ragazzi continuano a lavorare sui carri. La notte precedente la sfilata fino alla mattina stessa si procede all’infioratura e al perfezionamento degli ultimi dettagli.

Dopo la sfilata, nella serata di domenica si procederà con la premiazione del carro più bello giudicato in base a tre criteri: infioratura, struttura e scenografia.

A questa infiorata partecipano oltre ai carri cittadini anche quelli di paesi limitrofi come Rocca di Cambio, Fontavignone e Rovere.




Lascia un commento