Da Ottobre attivo un centro di ascolto per i dipendenti della Provincia



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

La Provincia dell’Aquila attiverà, in  via sperimentale, per i mesi di Ottobre, Novembre e Dicembre uno sportello di ascolto per garantire l’opportunità, a tutti i dipendenti della Provincia, di avere a disposizione un gruppo di esperti in grado di offrire un supporto professionale per fronteggiare criticità afferenti sia la sfera lavorativa che quella personale. Il mediatore sarà disponibile almeno 2 ore a settimana durante il normale orario di lavoro presso la sede di L’Aquila del Centro Se.Ra. (Senza Rancore) in via Cardinale Mazzarino, 68 o contattabile, per le vie brevi, dai dipendenti di tutte le sedi ed è disponibile a ricevere, previo appuntamento, anche oltre l’orario programmato. Il servizio non prevede alcun costo aggiuntivo per il dipendente che potrà relazionarsi, in un clima riservato e favorevole, su eventuali istanze riguardanti le tematiche del disagio e del benessere organizzativo.

Il mediatore esperto potrà così:

–          facilitare  la sana convivenza, attivando un clima di lavoro sereno;

–          illustrare le procedure attivabili su istanze ricevute;

–          promuovere e facilitare, lì dove c’è il consenso, le relazioni con colleghi, superiori, utenti per il mantenimento dei rapporti interpersonali positivi;

–          recuperare e sostenere la motivazione al lavoro, la partecipazione nei processi di cambiamento, il raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Il Presidente della Provincia dell’Aquila Angelo Caruso, ha fortemente voluto e sostenuto la necessità di uno sportello che contribuisse a realizzare un ambiente di lavoro sicuro, sereno e favorevole alle relazioni interpersonali, in cui sia perseguito il benessere lavorativo di tutti i dipendenti e la prevenzione dei conflitti. Mediare un conflitto con altri, attraverso un ascolto empatico e quindi non imperativo con una logica di partecipazione attiva, può creare processi di “empowerment” fondamentali per liberare energie preziose e vitali per il funzionamento ottimale dell’Ente.



Lascia un commento