#Cuoriconnessi, la polizia a Tagliacozzo per scuotere le coscienze degli studenti



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo – #Cuoriconnessi è la nuova campagna di prevenzione e sensibilizzazione sui rischi e pericoli connessi all’uso della rete internet, realizzata dalla Polizia postale e delle comunicazioni, il cui obiettivo è quello di informare adolescenti e famiglie sull’uso consapevole e responsabile della tecnologia, dagli smartphone, ai pc, ai tablet; i messaggi, le immagini e i video caricati in rete, oggi si diffondono in maniera incontrollata e restano presenti nel web per sempre, creando in alcuni casi conseguenze drammatiche. Da gennaio 2015 al mese di settembre di quest’anno, l’utilizzo sbagliato e improprio della rete ha fatto registrare quasi 400 denunce di reati commessi nei confronti di minori da parte di loro coetanei.
La campagna, strutturata a livello nazionale, è stata presentata anche ai ragazzi dell’Istituto Onnicomprensivo ITET di Tagliacozzo, con la proiezione del DocuFilm #Cuoriconnessi . Al termine della stessa è seguito un accesso dibattito durante il quale sono intervenuti il giornalista e ideatore del progetto, Luca Pagliari, e il Sostituto Commissario della Polizia di Stato, Marco Valerio Cervellini.

La campagna nasce con l’idea di far comprendere quanto pesino e quanto siano importanti le parole e come possano influire sulle nostre vite, nel bene e nel male”- ha così dichiarato Pagliari– “I social hanno naturalmente un grande peso in questa nostra società, per cui è necessario essere educati ed essere consapevoli rispetto al fatto che una parola scritta su un social è per sempre”. Gli studenti hanno potuto in questo modo comprendere più a fondo il fenomeno del cyberlbullismo, intervenendo attivamente al dibattito con domande e scambio di curiosità. Cervellini ha ribadito l’importanza di un uso corretto e responsabile della rete, spiegando anche i motivi che si celano dietro i comportamenti dei cyberbulli e delle vittime, che spesso non riescono a raccontare la loro verità per vergogna e anche per paura di rimanere soli e inascoltati. “Chi racconta è un eroe, invece! È fondamentale comunicare con una persona fidata, un genitore o un insegnante, o anche rivolgersi a noi, inoltrandoci domande o segnalazioni, anche mediante il sito istituzionale della Polizia di Stato”, ha concluso Cervellini.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito: nocyberbullismo.it

FOTO MANUEL CONTI




Lascia un commento