Con “Bambini” torna in scena la compagnia teatrale “Novecento”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Pescina – L’appuntamento con le storie e gli artisti di Mario Cantoresi è previsto per Venerdì 20 Dicembre alle ore 21 al Teatro San Francesco di Pescina. “Bambini” è il titolo dello spettacolo scelto come spettacolo di chiusura della Sessione invernale della XXII edizione del Premio Internazionale Ignazio Silone. In questa nuovo lavoro si parlerà di un tema attuale e delicatissimo come i bambini, da cui il nome della pièce stessa. Vi è subito da dire che si tratterà di un’opera dura ma d’altronde da Mario Cantoresi non dovete mai aspettarvi uno spettacolo leggero. Cantoresi è un’autore impegnato, elegante nello stile e con l’innata capacità di prendere per mano i lettori ed il pubblico e portarli fin dentro l’anima delle sue storie.
I personaggi di “Bambini” sono drammatici, forti e passionali ed ognuno di noi può facilmente identificarsi con essi. Le storie emblematiche di tanti piccoli eroi attraverso gli avvenimenti che hanno segnato il percorso che parte dagli albori del XX Secolo sin fino ai nostri giorni.
Per questo motivo “BAMBINI” vi farà piangere ed emozionare. Nel cast le eccezionali presenze di Bianca D’Amore, Sabrina Cardone, Alessia Neutratova, Angelo Ottaviani, Mafalda Di Berardino.
Nelle parole dell’autore la gioia di questo grande debutto pescinese:
“Per questo motivo, quando mi è stato comunicato di essere stato scelto per chiudere la Sessione invernale della XXII edizione del Premio con la pièce teatrale “BAMBINI”, per qualche secondo ho creduto si trattasse di uno scherzo. Desidero ringraziare dell’alto onore che mi è stato concesso, la Regione Abruzzo, il Centro Studi Siloniano, il Comitato del Premio, la nobile Città di Pescina a cui sono legato da profondissimi sentimenti d’affetto ed il Sindaco Stefano Iulianella. Voglio altresì ringraziare tutti gli artisti che hanno collaborato con la Compagnia “Novecento”, senza il loro lavoro e la loro passione nulla di tutto questo sarebbe stato possibile”.
I video e la regia sono opera di Guido Villa, l’allestimento delle luci e dei suoni è stato affidato alla Ditta Malandra.