Civita, violenta lite tra profughi, due feriti



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Civita D’Antino – Attimi di paura alla Country house Le Rosce di Civita D’Antino per una violenta lite scoppiata tra due giovani profughi. La proprietaria, l’imprenditrice Antonia Piperni, ha denunciato l’accaduto ai carabinieri.

Sul posto sono arrivati i militari della stazione di Morino. A quanto ricostruito dalle forze dell’ordine, ieri pomeriggio, O.U. nigeriano di 29 anni e K.W.A. 43enne del Ghana, entrambi evidentemente molto ubriachi, hanno iniziato a inveire l’uno contro l’altro, fino a colpirsi violentemente. Dopo la chiamata ai soccorsi da parte della proprietaria è arrivata un’ambulanza e i sanitari hanno medicato sul posto il 29enne di origine nigeriana.

L’uomo ha rifiutato di essere trasportato all’ospedale di Avezzano. Dell’accaduto è stata informata anche la procura competente per territorio. Sul caso sono in corso gli accertamenti dei carabinieri della compagnia di Tagliacozzo, agli ordini del capitano Edoardo Commandè. Non è la prima volta che alla Country house di Civita accade un episodio di questo tipo che necessita l’intervento dei carabinieri. In un precedente un uomo aveva inveito contro con la titolare.

Nella struttura ricettiva sono ospitati una quindicina di profughi di diversa nazionalità, ci sono giovani provenienti dalla Nigeria, dal Ghana e dal Bangladesh.




Lascia un commento