Cipolloni, “De Angelis ha il dovere di convivere con una a sé contrapposta”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – “Accogliamo con grosso piacere la decisione del TAR che, dando ragione al nostro ricorso, restituisce dignità ai cittadini di Avezzano che, con il loro voto, hanno premiato la nostra lista”. Questo il commento di Lino Cipolloni, segretario provinciale dell’UDC.

“Non ci vuole un esperto di matematica o di sistemi elettorali per capire che un partito con il 10%, essendo la prima forza politica della città, non possa essere rappresentato in Consiglio Comunale da un solo seggio. Nel nostro sistema elettorale coesistono, senza prevalere l’uno sull’altro, due principi, quello della rappresentatività  e quello della governabilità”.

“Non c’è dubbio – prosegue Lino Cipolloni – che Gabriele De Angelis abbia vinto le elezioni come non c’è dubbio che i suo candidati non hanno raccolto sufficienti consensi per consentirgli di avere una propria maggioranza e questo accade in virtù dell’esistenza del voto disgiunto che il legislatore riconosce, infatti, non va dimenticato che i cittadini oltreché il Sindaco scelgono anche i Consiglieri. Governare una città vuol dire mostrare buon senso e condivisione cosa che un Sindaco ha il dovere di fare sempre ancor più quando la sua maggioranza non è quella votata dai cittadini, avendo il dovere, in rispetto delle indicazioni dei medesimi, di convivere con una maggioranza a se contrapposta e premiata dalla città”.

“Intanto – conclude Lino Cipolloni – noi dell’UDC attendiamo la decisione del Consiglio di Stato fiduciosi che anch’essa sia conforme a quella del Tar”.




Lascia un commento