“Ci sono persone su cui la pandemia pesa di più”, la storia di un marsicano con disturbi psichici



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Marsica – “Ci tengo moltissimo a farvi vedere questo servizio. Ci sono persone sulle quali la pandemia pesa di più che sulle altre, ma di cui si parla pochissimo: quelle con un disturbo psichico”. A dirlo è la giornalista de La 7, Tiziana Panella, nel corso del programma Tagadà. Protagonista del servizio a cui si riferisce è un marsicano, ospite di una delle residenze psichiatriche che a causa del covid hanno adottato speciali misure di confinamento. É la madre a raccontare di lui e di questi difficili mesi scanditi dalla pandemia.

“Per sei mesi non l’ho visto. Non poter vedere mio figlio mi è sembrata una cosa fuori dal mondo. Nei primi tre mesi di pandemia eravamo tutti chiusi in casa quindi il fatto di non vederlo era nella norma. Il fatto è che non hanno aperto neanche a maggio, ma sono rimasti chiusi anche a giugno, luglio e agosto. Arrivo nella struttura, gli lascio quel che devo e mi devo accontentare di sapere che sta lì e che tutto sommato è al sicuro. Ho paura che questa mancanza di rapporti con l’esterno possa farlo regredire a livelli patologici”.

“La cosa che più mi manca – dice il giovane alla madre in videochiamata – sono le uscite con te. Quando esco con te, ogni tanto, mi ricarico e poi posso sopravvivere meglio qui dentro”.