Candele di accensione auto: come scegliere le migliori



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Non c’è niente di meglio al mondo, che viaggiare on the road. Non deve necessariamente trattarsi di un lungo viaggio. Anche pochi chilometri di distanza da casa possono essere una vera propria avventura, perché l’auto consente di scoprire luoghi diversi ogni giorno, lontani dai circuiti turistici, lontano dalla strada che quotidianamente compiamo per andare a lavoro o per tornare a casa la sera. L’auto insomma ci consente di meravigliarci! 

Tutto questo è vero, ma è vero anche che chi ama viaggiare on tre road deve sapersi prendere cura della sua auto. Ci sono alcune cure che tutti sanno dare alla propria vettura, come il controllo e la sostituzione dell’olio motore, degli pneumatici, delle luci, ma per quanto riguarda le candele di accensione dell’auto? In molti neanche sanno che esiste una candela di questa tipologia montata sulla loro vettura! Cerchiamo allora di fare insieme un po’ di chiarezza su questo importante argomento. 

Candele di accensione dell’auto, cosa sono 

Innanzitutto le candele di accensione non sono presenti su ogni tipologia di auto, ma solo ed esclusivamente sulle vetture a benzina. Si tratta di dispositivi elettrici che emettono una scintilla, quella scintilla che consente di avviare il processo di combustione all’interno dei cilindri. Non appena il processo di combustione prende il via, ecco che la macchina può iniziare a camminare. Come potete capire, si tratta di un piccolo ma estremamente importante elemento!

La vita delle candele di accensione dell’auto

Le candele di accensione dell’auto hanno bisogno di essere controllate ogni 10.000 km percorsi. Di solito dopo 10.000 km non hanno bisogno di essere sostituite, ma solo pulite. La sostituzione delle candele infatti diventa necessaria intorno ai 20.000 km, per le macchine di più vecchia costruzione. Le auto più moderne hanno bisogno della sostituzione delle candele molto meno di frequente, anche dopo 60.000 km infatti.

Proprio perché si tratta di un controllo periodico, che potete effettuare anche in modo autonomo e che è necessario per rendere la vostra auto performante, non possiamo che consigliarvi di acquistare delle candele sostitutive da avere sempre a portata di mano. Evitate i punti vendita della città, dove infatti paghereste queste candele a caro prezzo. Meglio optate per il web. Provate ad esempio auto-doc.it il sito specializzato in ricambi auto, con prodotti di alta qualità a basso costo. 

Candele di accensione usurate: come accorgersene

Probabilmente molti di voi stanno pensando che è piuttosto difficile accorgersi che c’è un problema alle candele semplicemente osservandole. Se non siete dei veri esperti di auto è possibile che risulti per voi effettivamente complicato. 

Se le candele sono sporche o usurate però, la vostra auto vi offre molti segnali. Non c’è bisogno quindi di osservare le candele, ma è sufficiente cercare di capire se la vostra auto funziona come al solito o se sembra essere un po’ sofferente. 

Se l’auto non si avvia con facilità, se cammina a sobbalzi, se non sembra riuscire ad accelerare bene, se vibra o se notate che state consumando molta più benzina rispetto al solito, ecco allora che è arrivato il momento di fare un bel controllo!