Cancro: diritti, bisogni, opportunità. Incontri di gruppo sulla malattia oncologica per persone malate, familiari, amici



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo – Sabato si terrà alle 17 nella sala consiliare del comune di Tagliacozzo, il convegno “Cancro: diritti, bisogni, opportunità”

Il convegno patrocinato dal Comune è stato organizzato grazie all’interessamento del sindaco Vincenzo Giovagnorio, dell’assessore Manuela Marletta, di Maria Zaccone e dei Frati minori conventuali insieme alla Dott.ssa Costanza del Grosso e al dott. Emanuele M. Cerone affronteremo il tema della malattia e delle sue implicazioni sulla vita delle persone: malati, familiari, amici.

Ciò che intendiamo creare è una “rete di solidarietà” e di sostegno reciproco in cui le persone possano aprirsi, scambiare opinioni e sopratutto sentirsi accolte ed unite nel combattere la stessa battaglia. Molto spesso le persone malate di cancro vengono assorbite dal proprio male e si identificano con la malattia scordandosi di essere state e di continuare ad essere delle persone uniche, con una storia unica. A noi interessa proprio questo: interessa capire chi sono, cosa fanno, che cosa provano: di che storia fanno parte e quale storia hanno voglia di raccontare.
La malattia è una parte della persona ma il cancro non ha il diritto di impossessarsi anche dei ricordi e del vissuto personale.

Si ha il cancro… non si è il cancro.

E’ importante pensare al presente, momento per momento. Nessuno ha il controllo sulla morte. Nessuno di noi sa quanto vivrà, nessuno di noi può prevedere il futuro. La vita è imprevedibile ed a volte particolarmente difficile e proprio per questo motivo il dolore di chi ha un cancro può essere alleviato da un ascolto attento e sensibile. Prendersi cura della propria sofferenza condividendo ciò che si pensa, dispensando consigli e supportando il gruppo, stringendo la mano del vicino, o semplicemente ascoltando una voce amica.

Nel mondo della malattia oncologica molte sono state le persone che hanno dato il loro contributo, in questo ci piace ricordare Gigi Ghirotti, giornalista a cui è dedicata una Fondazione Nazionale che si occupa di aiuto, cura e sostegno a chi ruota intorno alla malattia, che disse : “Quello che importa sia durante la vita, sia di fronte alla morte è di non sentirsi abbandonati e soli”.

Noi riteniamo vere queste parole e le abbiamo fatte nostre, ci proponiamo di condividerle con chi avrà voglia di far parte del percorso che stiamo pian piano costruendo nel nostro territorio, martoriato dalla malattia e dal dolore.
Per questo: #noicisiamo

Dott.ssa Costanza del Grosso
Dott. Emanuele Matteo Cerone




Lascia un commento