Campagna contro l’abbandono dei mozziconi di sigaretta. Il fenomeno causa in primis ingenti danni ambientali



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Continua la campagna di comunicazione ideata dalla Tekneko con Ambecó Avezzano, e fortemente voluta dall’assessorato all’ambiente a guida Crescenzo Presutti, per sensibilizzare i cittadini alla lotta all’abbandono dei rifiuti.

Dopo le immagini del parco giochi invaso da buste stracolme di rifiuti indifferenziati, delle discariche abusive, delle città piene di elettrodomestici abbandonati, sanitari, plastica e altro, dopo quelle dei bisogni dei cani che causano degrado sulle strade e nei giardini pubblici, arrivano le foto realizzate in piazza Risorgimento, con la bellissima Cattedrale dei Marsi sullo sfondo, troppo spesso circondata da mozziconi di sigarette.

Questo fenomeno fuori controllo non è un problema solo sotto il profilo del decoro urbano. Non si comprende come nel 2018 molti non abbiano capito i danni ambientali che comporta questo tipo di rifiuto. I mozziconi di sigarette sono tanto pericolosi per la salute e per l’ambiente quanto i rifiuti industriali. Nelle “cicche” è infatti possibile trovare moltissimi inquinanti: nicotina, benzene, gas tossici quali ammoniaca e acido cianidrico, composti radioattivi come polonio-210, e acetato di cellulosa, la materia plastica di cui è costituito il filtro.

Si aggiunga a tutto questo il rischio di innesco di un incendio che può provocare l’abbandono di tali rifiuti.

Cosa quindi non permette ai fumatori di smettere, se non di fumare, almeno di gettare mozziconi a terra?

Si ricorda inoltre che con la legge n. 221/2015 si rischia, per tali comportamenti, una multa da 30 a 300 euro.

Il fumo fa male e fa male anche alla città e all’ambiente.

Campagna contro l'abbandono dei mozziconi di sigaretta. Il fenomeno causa in primis ingenti danni ambientali




Lascia un commento