Cacio Torneo a Magliano dei Marsi, l’antica tradizione tramandata di generazione in generazione



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Magliano dei Marsi. La tradizione secolare del Cacio-Torneo, nasce da ricerche storiche risalenti al 1752. Quando i pastori di quel tempo appendevano la pezza di formaggio ad un gancio, e si sfidavano facendo a gara, a chi riuscisse ad accaparrarsela per primo. Intorno al 1900e successivamente dopo la prima guerra mondiale, diventa un passatempo invernale, comincia a diventare più corposo con la formazione delle squadre ma con la seconda guerra mondiale subisce un’interruzione.

Tornerà attivo negli anni ’60, con la pro loco di allora, svolgendosi a due squadre e con un torneo dedicato alla memoria di una persona scomparsa. Fino a sei anni fa era l’associazione Alpini ad averne l’ incarico, dal 2012 è tornato alla proloco. Il gioco si svolge nel circuito giro di tornaterra, punto di partenza e di arrivo è una lapide denominata “l’appellaturo” da dove si lanciano le pezze, che dovranno fare tutto il giro circoscritto, ma come spesso accade i tiri vanno persi uscendo dal circuito. L’attuale Presidente in carica Paolo Di Cristofano: questa tradizione nonostante le restrizioni dovute alla pandemia non deve perdersi, soprattutto deve continuare per le nuove generazioni. Infatti negli anni passati a scopo didattico, abbiamo organizzato in collaborazione con la scuola media un baby-torneo. Negli anni siamo cresciuti organizzando tornei con premi , incorniciati dai numerosi spettatori, abbiamo avuto anche l’idea di distinguerci tra squadre, indossando le pettorine con un simbolo scelto “il fiore. Presidente perché la tradizione vuole che l’inizio sia il giorno dell’Epifania e l’ultimo quello del martedì grasso? perché dopo si entra nel tempo della Quaresima.

Ma c’è un detto maglianese:”Cacio rucicato, fa passa’glio dolore aglio capo”. Il formaggio veniva e viene ancora oggi utilizzato per fare il “Fiadone”dolce tipico abruzzese. Lo scorso anno a causa del lockdown non abbiamo continuato la tradizione. Quest’anno stiamo facendo del tutto per reperire le pezze di cacio, chi volesse singolarmente seguendo tutte le norme anti-covid potrà acquistarlo tutti i pomeriggi vicino la fontana dalle 14e15 in poi.