Botte all’ambulante: non è stata una rapina. Torna libero un 32enne



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Rocca di Botte. Era stato accusato di aver rapinato un venditore ambulante e di averlo ferito con un piede di porco. Il suo arresto però, in base a una recente sentenza della corte di cassazione, non è stato convalidato. Non si è trattato di una rapina e non c’era già più la flagranza del reato.

Torna libero così M.P., 32enne residente a Rocca di Botte, che era stato arrestato dai carabinieri per aver rapinato un venditore ambulante colpendolo poi con un piede di porco.

I fatti risalgono alla festa della Madonna della Pietà a Camerata Nuova, davanti a decine e decine di persone. M.P. è stato visto distruggere la bancarella del venditore ambulante che a quanto pare si era rifiutato di fargli uno sconto. Il 32enne subito dopo si era lontanato e si era presentato poi in caserma.

Il gip, rigettando la richiesta del pm, della convalida dell’arresto e della conferma della misura cautelare, ha accolto la tesi difensiva dell’avvocato Guido Ponziani. L’arresto non è stato convalidato per assenza di flagranza di reato e non è stato riconosciuto il reato di rapina, per cui avevano proceduto i militari di Camerata Nuova.




Lascia un commento