Boccia: “Pagano cambiali elettorali a spese dei cittadini. La Mazzocchi ci dia invece notizia dei Musp e della sua battaglia per le scuole”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – “De Angelis e la sua portavoce improvvisata Mazzocchi hanno dimostrato ampiamente la considerazione che hanno della sicurezza e del decoro della città, dell’assunzione di giovani preparati, come anche dei posti di lavoro per i disabili, visto che, dopo le sforbiciate ai piani d’assunzione predisposti dall’amministrazione Di Pangrazio, resi possibili da una gestione virtuosa del bilancio, hanno pure avuto la faccia tosta di definirli “concorsi pre-elettorali’”.

É tagliente il consigliere Ferdinando Fiore Boccia, che commenta così le dichiarazioni dell’assessore pro tempore Felicia Mazzocchi sulla vicenda legata allo stop alle assunzioni predisposte dall’amministrazione Di Pangrazio a favore dell’assunzione, in particolare, di un altro comunicatore e di un avvocato.

“Un insulto all’intelligenza dei cittadini”, continua il consigliere Boccia, “che però sapranno distinguere – tra la disposizione di nuovi agenti di polizia locale, la destinazione di posti in più per disabili e l’inclusione di giovani laureati, tutti azzerati per l’assunzione di un altro “carissimo” comunicatore/addetto stampa, il terzo in pochi mesi – CHI È che sta pagando “’cambiali elettorali”, con i soldi dei contribuenti, a qualcuno che si è adoperato per assicurargli la poltrona.

La signora Mazzocchi ci informi invece della sua attività di assessore, di cui ancora non vi è traccia, e già che c’è ci dia notizie sulla battaglia per la sicurezza delle scuole e sui Musp che erano per lei la priorità assoluta. Argomenti su cui ha fondato un anno di campagna elettorale, terrorizzando le famiglie e trascinando addirittura Avezzano sugli schermi nazionali per lanciare accuse vergognose all’amministrazione, mentre invece con l’allora sindaco Gianni Di Pangrazio andavamo a ritirare meritati premi nazionali ottenuti realizzando il progetto “Scuole sicure”, che ha fatto della città un esempio in Italia, encomiato e citato come modello anche dagli Uffici speciali della ricostruzione e dagli uffici del Ministero.

Ce lo faccia sapere, e soprattutto lo faccia sapere ai cittadini, che oggi, dopo essere stati strumentalizzati per ottenere una poltrona – comoda e soporifera, vista l’inerzia fin qui dimostrata dall’assessore pro tempore- apprendono che la “nuova geografia” delle scuole cittadine (si vedano anche le dichiarazioni dell’assessore Ridolfi) è in realtà quella definita dalla passata amministrazione.

Anche l’edificio che ospita le Mazzini-Fermi, che l’assessore pro tempore Mazzocchi e i suoi aiutanti definivano, tirando per la giacca le madri preoccupate, quasi un pericolo mortale e imminente: oggi anche questo è diventato “miracolosamente” agibile. Impegni la sua bravura nelle chiacchiere per spiegarci il miracolo. Può essere che riesca a essere convincente, tenga presente però che la cittadinanza una mezza idea già se l’è fatta”.




Lascia un commento