Bando Santa Croce, oggi valutati gli aspetti finanziari delle società



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Regione. Arrivano da Pescara le prime notizie sull’apertura della Busta “A” inviata da ogni società che si è candidata per partecipare al bando per la concessione della sorgente Santa Croce Sponga.

L’Italiana Beverage, che fa capo all’imprenditore molisano Camillo Colella (si tratta della società che comprende anche il marchio Santa Croce), e la Norda (il marchio fa capo all’imprenditore Carlo Pessina. L’azienda imbottiglia in vari stabilimenti d’Italia, dal Nord al Centro fino al Sud, con la Sangemini e la Monticchio Gaudianello), hanno passato l’esame della commissione presieduta dalla dirigente Iris Flacco.

Rimangono da esaminare la busta della società che fa capo all’imprenditore avezzanese Mastrocesare e quella dell’Ati (associazione temporanea di imprese) che fa capo alla sorana Bruni Mobili e a un gruppo di imprenditori arabi.

La Busta “A” è quella in cui sono contenuti tutti i documenti che attestano i mutui accesi dalle aziende, le fideiussioni e altro.

Intanto ieri l’imprenditore Camillo Colella è stato a Canistro insieme a degli operai per portare via dallo stabilimento le materie prime. Non si conosce ancora il “destino” dei macchinari che si trovano all’interno dell’azienda.




Lascia un commento