Babbo Natale porta il carbone all’Avezzano, sconfitto per 2 a 0 nel derby contro il Chieti. Liguori si dimette, torna Mecomonaco. L’analisi della crisi biancoverde.



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Chieti – Altro derby altra sconfitta. L’Avezzano torna da Chieti incassando due reti e continuando il trend negativo: la vittoria manca da più di un mese, dalla trasferta dello scorso 10 novembre a Porto Sant’Elpidio.
Non c’è anima, non c’è identità, non c’è spina dorsale. Liguori ha fallito dopo due mesi di gestione, e lo dimostra il fatto che il tecnico campano, dopo la sconfitta di ieri, si è dimesso, questa volta irrevocabilmente. Oggi è previsto l’incontro fra Paris e l’ex allenatore biancoverde Antonio Mecomonaco, ancora sotto contratto, che avrà l’arduo compito di salvare una squadra in caduta libera.
Termina il girone di andata (17 gare) e il club di via Ferrara è al terzultimo posto con 14 punti e, dato allarmante, è il peggior attacco del campionato. 

L’analisi di questa crisi è tutt’altro che difficile, in realtà. L’errore principale è stato smantellare la squadra che aveva attuato un miracolo ad inizio estate (colpa della precedente gestione), e soprattutto non confermare Colavitto che bene sta facendo anche a Matelica.
La mancanza principale è la personalità, oltre che alle doti tecniche abbastanza mediocri. I biancoverdi faticano a costruire azioni degne di nota, non c’è un finalizzatore, ed il centrocampo è il principale problema in mezzo al campo. Senza Fanti tra i pali non c’è un vero capitano in campo che si faccia sentire e dia lo scossone ai suoi.
Adesso Paris e il suo staff dovranno trovare assolutamente una punta che porti entusiasmo tra i tifosi, ma soprattutto nello spogliatoio (si parla di un ex Pescara).

Con il Chieti la prima occasione è biancoverde, Rabbeni calcia col sinistro dal limite dell’area e Bruno risponde presente con un bell’intervento che salva il risultato.
Traini porta in vantaggio i locali, complice l’errore nell’anticipo di Kevin Magri, l’attaccante riceve in area ed è lasciato libero di girarsi e concludere a rete.
L’Avezzano potrebbe pareggiare ma Rabbeni davanti alla porta cestina un’incredibile occasione da rete. È l’errore che costa caro ai lupi marsicani perché i chietini raddoppiano e lo fanno con Sivilla che spara una botta potente ma non angolata, Camerlengo, al suo esordio, fa una papera clamorosa e può solo guardare la sfera varcare la linea.

Derby che va al Chieti, dunque, e ora la classifica avezzanese si fa più che preoccupante. L’imperativo è, ormai, mantenere la categoria, ma tutte queste rivoluzioni tecniche e societarie non stanno giovando per nulla all’ambiente intorno al Dei Marsi.

Fotoservizio Manuel Conti