Avezzano: vari casi di violenza sessuale nei pressi della stazione in pochi giorni, CasaPound “tragedia annunciata, solo noi ci eravamo fatti sentire”

Avezzano – È di ieri l’ultima notizia riguardo l’ennesimo caso di violenza sessuale avvenuto ai danni di ragazze marsicane nei pressi della stazione di Avezzano. Gli autori sono ancora una vota immigrati irregolari, che dettano le regole nella ‘zona franca’ venutasi a creare nei dintorni della zona di piazza Matteotti. “Che si tratti violenza per regolamentare questioni legate allo spaccio di droga o di violenze sessuali – dichiara Mario Angelucci, responsabile marsicano di CasaPound Italia – ormai la situazione nei pressi della stazione di Avezzano è totalmente fuori controllo”.

Solo pochi mesi fa CasaPound aveva organizzato un presidio nel quartiere allo scopo di sensibilizzare la popolazione e soprattutto le istituzioni rispetto alla gravità della situazione; grazie a noi era stata predisposta una pattuglia fissa nella zona. Passato però il clamore mediatico, come sempre, la zona è stata di nuovo abbandonata e i soliti noti hanno ricominciato a delinquere. Non possiamo più accettare una situazione del genere: non è possibile che una ragazza non possa circolare serenamente senza aver paura di essere molestata e non è giustificabile un tale stato di non curanza e abbandono”.

“Ci siamo sempre battuti contro il degrado e continueremo a farlo – conclude Angelucci – organizzeremo presto nuove iniziative volte a incentivare la sicurezza della nostra città, non ci fermeremo e non ci faremo intimidire, come sempre c’è solo CasaPound Italia al fianco dei cittadini Italiani”.

Lascia un commento

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0.00
Send this to a friend