Avezzano stop all’alta velocità, arrivano i rallentatori stradali, i dossi saranno realizzati nelle vie: S Francesco, Pertini, Napoli e della Pace



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano Stop all’alta velocità in via San Francesco, via Pertini, via Napoli e via della Pace: in queste quattro strade sono in arrivo i dossi artificiali per costringere gli automobilisti indisciplinati a ridurre l’andatura. Il piano di azione redatto dall’ufficio tecnico dell’Ente, che prevede un investimento globale di 45 mila euro con fondi del bilancio comunale, è pronto. “La sicurezza dei cittadini, in particolare della cosiddetta utenza debole, pedoni e ciclisti”, afferma il consigliere comunale delegato alla Protezione civile, Maurizio Seritti, ex sottufficiale dell’arma in pensione, “è una priorità dell’amministrazione Di Pangrazio. Gli interventi straordinari sulla viabilità messi in agenda dal Comune, sulla base di uno studio ah hoc sulla strade più pericolose e tenendo conto anche delle segnalazioni dei cittadini, sono mirati a costringere gli automobilisti a ridurre la velocità in queste strade più a rischio”.

Ciò che hanno chiesto i cittadini soprattutto in occasione di incidenti dovuti anche alla velocità: esaminata la situazione, quindi, l’amministrazione ha attivato gli uffici per trovare una soluzione al problema costringendo gli automobilisti ad alzare il piede dall’acceleratore. Sulle quattro strade cittadine, quindi, sono in arrivo i dossi rallentatori in conglomerato bituminoso, compresa la segnaletica orizzontale e verticale: i dissuasori messi in agenda dall’Ente, saranno realizzati all’inizio del prossimo anno, in via San Francesco (dopo l’uscita della Superstrada, in prossimità del numero civico 290), in via Pertini (in prossimità del nuovo edificio scolastico), in via della Pace (in prossimità del numero civico 21) e in via Napoli (in prossimità della Farmacia). Elaborato il quadro generale con la quantificazione delle somme necessarie, già impegnate, ora si apre la procedura per la gara d’appalto per i quattro rallentatori.




Leggi anche