Avezzano piange la morte di Felicetto, storico fondatore della Conca d’oro



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. La comunità di Avezzano piange la morte di Felicetto Orfanelli, storico fondatore della Conca d’oro di via Garibaldi. Orfanelli aveva 68 anni e da un anno era malato. E’ morto tra l’affetto dei suoi cari, che non l’hanno mai lasciato solo, all’ospedale dell’Aquila. Nel 1964 aveva fondato la caffetteria di via Garibaldi, insieme al fratello Vincenzo. Quest’ultimo per tanti anni ha gestito anche l’edicola vicina al bar. Tutte attività commerciali a due passi dal tribunale e anche per questo Orfanelli era conosciuto da tutti.

Ad Avezzano era apprezzato anche dai suoi tanti colleghi, tra gli altri Daria di Carmignani e Bruno del Baretto, per la sua determinazione e la sua dedizione al lavoro. Questa mattina anche loro sono andati a trovarlo all’Aquila. Da giovane aveva seguito con passione l’Avezzano calcio e le iniziative della società.

Lascia la moglie Franca e i figli: Mauro che lavora insieme alla sua famiglia al bar di Avezzano e Fabio che lavora nel bar fondato a Roma che porta lo stesso nome di quello di Avezzano.

Non appena si è diffusa la notizia in rete centinaia di persone e clienti hanno lasciato le condoglianze alla famiglia. Tra gli altri, l’avvocato Guido Ponziani, che lo ricorda come un padre, “Vado al suo bar da quando avevo 12 anni”. Un messaggio di cordoglio arriva anche dal professore Enrico De Nicola che lo ricorda sempre con il sorriso sulle labbra. I funerali dovrebbero esserci mercoledì alle 16, in cattedrale ad Avezzano ma si attende l’ufficialità.




Lascia un commento