Avezzano, la shoah raccontata a teatro



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – La shoah raccontata a teatro: due gli appuntamenti che oggi hanno portato dai libri di storia sui palchi avezzanesi la storia dell’olocausto, con il plauso l’assessore alla cultura Pierluigi Di Stefano.

Sia il Teatro dei Marsi con Teatro Dei Colori e il Teatro Eidos che il Castello Orsini con il Gruppo Jobel in collaborazione con Il Volo del Coleottero Teatro Musica hanno ospitato tanti studenti per mettere in scena storia e memoria di un passato che non va taciuto, attraverso due spettacoli capaci di raccontare ciò che rimane inenarrabile: gli orrori e le storie della shoah.

Sulle scene del Teatro dei Marsi è stata raccontata “La musicista di Auschwitz”, mentre al Castello Orsini si è tenuto “Memorie- racconti, canzoni e memorie della Shoah”.

“La partecipazione emotiva degli studenti alle rappresentazioni teatrali che hanno ricordato uno dei momenti più bui della storia dell’umanità è l’aspetto che più mi fa sperare, in un periodo storico in cui purtroppo siamo soggetti a tanti “olocausti” che si manifestano sotto una nuova veste”, ha affermato l’assessore Di Stefano, “la giornata della Memoria si celebra il 27 perché in quel giorno le truppe alleate liberarono Auschwitz. L’apertura dei cancelli dei campi di concentramenti solo allora mostrò al mondo intero la portata del genocidio. E se in quel buio periodo storico qualche uomo illuminato e coraggioso non si è girato dall’altra parte spalancando le porte delle proprie case, chiese e scuole per salvare anche un solo essere umano, l’auspicio è che anche oggi in cui nuove forme di olocausto pervadono le nostre coscienze l’indifferenza non ci spinga a voltarci dall’altra parte”.