Avezzano, consiglio comunale infuocato. L’opposizione attacca: “Bloccata cementificazione di Antrosano”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. “Nell’ultimo Consiglio comunale, tre cose buone per la città sono state fatte solo grazie all’impegno dell’opposizione”.

“Come consiglieri di minoranza al Comune di Avezzano”, si legge in una  nota inviata alla stampa dal consigliere di minoranza Alessandro Barbonetti, anche candidato alle imminenti amministrative, “nell’assise civica del 26 aprile, convocata a nostro giudizio in totale spregio delle norme e delle forme previste dal regolamento, quindi un Consiglio pressoché abusivo, siamo riusciti a fare in modo che, nonostante una maggioranza sempre più rabberciata e dispersa nonché impegnata più a fare campagna elettorale che il bene della città (al quale non ha tenuto per tutta la consiliatura) fossero approvate l’istituzionalizzazione della gara podistica Stracittadina e la riqualificazione della scuola d’infanzia Madonna del Passo.

Nella stessa seduta, grazie alla strategia dell’opposizione, si è riusciti a bloccare la lottizzazione che prevede la cementificazione di Antrosano. Quel che il Sindaco e i suoi chiamano riqualificazione del borgo di Antrosano, infatti, altro non è che un piano di lottizzazione per la costruzione di nuove abitazioni, per 28mila metri quadrati di cemento, che porteranno al raddoppio della superficie cementificata della splendida frazione di Avezzano. Frazione che invece meriterebbe più attenzione con piani di recupero e valorizzazione del borgo storico. Interventi che riguardino  le vecchie abitazioni e la risistemazione urbana nonché l’ideazione di iniziative che traggano origine dalle tradizioni e dal patrimonio storico che Antrosano possiede e che ha già messo in mostra nel passato.

La maggioranza, con un provvedimento che riteniamo anche questo discutibile, proverà a farlo riapprovare in quella che ritiene la prosecuzione del Consiglio comunale, sabato 29 aprile. Una data che riteniamo una convocazione irrituale, dopo il termine del 27 aprile che sterilizza l’azione delle amministrazioni chiamate ad occuparsi di ordinaria amministrazione e casi urgenti. Poiché la cementificazione di Antrosano non è urgente e tantomeno è ordinaria amministrazione, ed è soprattutto un danno, noi consiglieri di opposizione al Consiglio comunale di Avezzano, vogliamo rassicurare la città intera e la popolazione di Antrosano in particolare, che sarà nostro impegno impedire che venga approvato questo piano di deturpamento. Un piano che si vuole far approvare, dopo cinque anni di inattività della maggioranza Di Pangrazio, non in zona Cesarini ma a tempo scaduto, in contrasto con l’attuale depotenziamento preelettorale previsto dalla norma e col soli scopi di propaganda. Tutto questo non passerà”.

 




Lascia un commento