Atti intimidatori a Capistrello, i Carabinieri individuano i responsabili



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello – I militari della Stazione di Capistrello hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avezzano (AQ) per il reato di “danneggiamento” il responsabile dell’atto intimidatorio rivolto a Marco Lusi, 45enne, ingegnere di Capistrello, il 2 marzo u.s. nel piazzale antistante il locale campo sportivo, consistito nello sfregio alla fiancata dell’autovettura di sua proprietà.

Si tratta di un familiare di uno dei destinatari della misura cautelare eseguita dai Carabinieri della Compagnia di Tagliacozzo il 20 novembre 2018 nell’ambito delle indagini condotte sull’affidamento di incarichi e servizi pubblici del Comune di Capistrello.

Inoltre, i Carabinieri della Stazione sono riusciti ad identificare un altro congiunto che è stato deferito alla Procura della Repubblica di Avezzano perché ritenuto responsabile di minacce rivolte al LUSI nel mese di dicembre 2018.

L’attività dell’Arma dei Carabinieri, sempre in costante sinergia con l’Autorità Giudiziaria, è diretta a tutelare anche le persone coinvolte, a vario titolo, nei procedimenti penali, al fine di garantire il regolare svolgimento dell’iter processuale.