Arrivano anche dalla Croce Rossa abruzzese gli aiuti per gli allevatori sardi in difficoltà dopo gli incendi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Abruzzo – Dopo molte ore di viaggio, finalmente, sono giunti a destinazione i Tir organizzati dalla Croce Rossa con gli aiuti destinati agli allevatori sardi messi in grande difficoltà dopo gli incendi che hanno devastato molte aree dell’isola.

I mezzi della Croce Rossa, tra cui anche quelli partiti dall’Abruzzo, sono sbarcati ieri sera al porto di Olbia, hanno raggiunto i comuni con maggiori difficoltà e distribuito oltre 500 rotoballe di foraggio necessario per mandare avanti le attività locali.

Si tratta di un’operazione resa possibile grazie alla donazione di foraggi da parte di cinque regioni (Piemonte, Toscana, Abruzzo, Lazio, Campania), e al contributo di oltre cento volontari CRI impegnati nel trasporto e nella distribuzione.

Siamo stati vicini alla Sardegna, colpita dai devastanti roghi delle settimane scorse, sin dalle prime ore, grazie ai nostri volontari sul territorio. E non intendiamo lasciarla adesso, nella delicata fase di ricostruzione: ecco perché sono molto orgoglioso di questa operazione, frutto di una importante ed efficace collaborazione istituzionale – sottolinea Francesco Rocca, Presidente della Croce Rossa Italiana e della Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC) – che è solo la prima di una lunga serie.

Queste consegne sono un piccolo ma concreto aiuto ai tantissimi allevatori in difficoltà che la Croce Rossa non intende abbandonare. Ci siamo mossi, in tal senso, anche a livello internazionale con progetti di sostegno diretto: la Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC) che presiedo, ha già stanziato 200.000 euro attraverso un progetto per l’acquisto di foraggi e mangimi, oltre a contributi per la ricostruzione delle aziende più danneggiate”. 

Fonte: Croce Rossa Italiana