Appuntamento al castello Orsini di Avezzano con un convegno sulla medicina olistica



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Sabato 17 febbraio a partire dalle ore 17 presso il castello Orsini di Avezzano si terrà un convegno dedicato alla medicina olistica e alle possibili integrazioni con la medicina tradizionale.
La medicina olistica è una versione ampliata della medicina che tiene conto dell’organizzazione unitaria delle informazioni che compongono l’essere umano, del vissuto emotivo, dei conflitti psicologici e dell’essere umano inteso come entità dotata di coscienza, capacità di scelta e capacità di trasformazione. Il dott. Marcello Pestilli propone un’integrazione tra la medicina tradizionale, le medicine energetiche e le recenti acquisizioni della fisica quantistica.

L’energia non è nient’altro che una forma complessa di Informazione, per cui il costituente fondamentale dell’energia altro non è che informazione nel suo stato fondamentale. Partendo da questo concetto, qualunque cosa avvenga nel corpo è sempre l’espressione di un’informazione corrispondente, e tutto ciò che è in relazione con il corpo è in grado di influenzarlo: pensieri, emozioni, alimentazione, onde elettromagnetiche, onde sonore. Tutte queste variabili, se dissonanti, alterano il normale stato di equilibrio del corpo e portano a malattia; dunque la malattia non è un evento funesto piovuto dal cielo, ma un tentativo di risposta biologica del corpo per riportarsi al suo equilibrio originale.

Prendere coscienza delle cause che hanno portato allo squilibrio, e dunque alla malattia, e ridare al corpo la corretta informazione, è il primo passo verso la guarigione. Il dott. Danilo Ferrin, psicologo che si occupa di psicologia olistica e integrale, lavorando sulle conflittualità che portano alla malattia, sviluppa uno specifico metodo di lavoro.

La psicologia olistica e integrale si occupa dell’essere umano con la stessa visione della medicina olistica, e considera la malattia in processo dinamico nella storia della persona e un’occasione di crescita e evoluzione.
Tratta il paziente nella sua interezza psichica, fisica, emotiva, e lo accompagna e sostiene nella ricerca cosciente delle cause che hanno prodotto disagio, conflitti, blocchi.

Il rebirthing, proposto da Mario Angelini, è una tecnica esperenziale che contribuisce in modo efficace a questo nuovo approccio alla salute.  Attraverso una particolare respirazione è possibile liberarsi in poche sedute dai blocchi emotivi, psicologici e fisici e ritrovare salute e energia, per liberarsi dall’ansia.



Lascia un commento