Approvato il regolamento sulle procedure per il riconoscimento dei cammini abruzzesi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Regione – Su proposta dell’assessore regionale Lorenzo Berardinetti, sostenuta e condivisa dall’assessore al Turismo, Giorgio D’Ignazio, nel corso dell’ultima seduta della Giunta regionale è stato approvato il regolamento relativo alla legge sui cammini abruzzesi che porta, dunque, a compimento il percorso di attuazione della legge medesima (l.r. 52/2017).

“Questo regolamento – dichiara Berardinetti – che consente l’applicazione pratica della normativa, definisce i requisiti indispensabili per la costituzione e il riconoscimento dei cammini ma non solo, anche le modalità per la presentazione delle istanze e l’individuazione di un supporto per la cartografia. Oltre a ciò descrive anche la georeferenziazione omogenea per tutti gli enti locali territorialmente interessati dai percorsi di cui ne viene chiesto il riconoscimento”.

“Quanto fatto– prosegue – consente alle associazioni e ai numerosi comuni che vogliono avviare l’iter per il riconoscimento dei cammini, di avere a disposizione le linee guida necessarie e gli strumenti fondamentali per garantire la corretta applicazione della legge. Un doveroso ringraziamento va alle associazioni che hanno coadiuvato i lavori contribuendo alla stesura del regolamento. Menzione di rilievo per il Cai Abruzzo che, guidato dal presidente Gaetano Falcone, ha messo a disposizione la sua grande conoscenza tecnica della materia per consentirci di realizzare un documento di cui ne gioveranno centinaia di comuni”.

“Con l’approvazione del suddetto regolamento – conclude Berardinetti – trova concreta attuazione l’intenso lavoro finalizzato a fornire alle amministrazioni comunali strumenti utili per l’attuazione delle proprie politiche di rilancio del turismo e sviluppo economico del territorio, consentendo, così, alla nostra regione di avere un mezzo valido e moderno per veicolare le proprie bellezze paesaggistiche in tutta Europa. Sono numerosi, infatti, i turisti provenienti da fuori i confini italiani, dimostrazione, questa, che quando si pongono in essere politiche di lungimiranza e prospettiva il nostro Abruzzo non ha nulla da invidiare a nessuno. Anzi, siamo il cuore verde d’Europa, non scordiamolo mai”.