Ancos di Confartigianato Avezzano devolve i contributi del 2xmille alla Chiesa di Santa Maria in Valleverde di Celano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano Grazie al contributo del 2×1000 donato dall’Ancos di Confartigianato di Avezzano, proseguono i lavori di restauro dei tre affreschi rinascimentali presenti all’interno della secolare chiesa di Santa Maria in Valleverde di Celano.

Questo luogo di culto, quotidianamente meta di turisti e curiosi, porta con sé una storia e un fascino che il passare del tempo non ha minimamente scalfito e che ora, mediante l’intervento in itinere, potrà fregiarsi di alcune, splendide, opere d’arte restaurate e pronte a mostrarsi al pubblico con un nuovo, rinnovato, volto. La chiesa, la cui edificazione fu avviata a metà Quattrocento ma venne terminata sotto i Piccolomini solo nel 1508, è considerata tra le principali testimonianze religiose presenti nella Marsica. Al suo interno sono presenti tre, meravigliosi, dipinti murari: la “Dormitio Virginis”, “Lo sposalizio della “Vergine” e il medaglione raffigurante San Girolamo, ubicati nella Cappella della Misericordia, realizzati dal pittore Paolo Zoppare nel 1558. 

“L’Ancos, per sua natura e volontà, è da sempre al fianco del territorio sul quale e per il quale opera”, dichiara Federico Falcone, segretario provinciale Ancos, “ecco, quindi, che nel momento in cui il nostro direttivo si è confrontato per stabilire quale progetto finanziare, senza esitazione alcuna abbiamo scelto di veicolare il nostro contributo verso questi tre affreschi. L’arte è tra le più antiche e nobili espressioni dell’essere umano, capace di esaltarne al massimo i valori e, al tempo stesso, fungere da legame tra presente, passato e futuro. Questo restauro è, quindi, un dono, un atto di amore, che abbiamo voluto fare a questa terra ricca di storia, tradizione e cultura. Ringraziamo chi ci ha proposto il progetto e chi ci sta supportando per far si che venga realizzato, la restauratrice Catia Cutigni e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Abruzzo, nelle persone di Antonella Lopardi, funzionario storico dell’arte e Maria Gabriella D’Ippolito, funzionario restauratore ”. 

L’intervento di restauro, affidato alla dott.ssa Catia Cutigni, ha visto fin’ora, in quella che è la prima fase del progetto, un’importante e meticolosa opera di risarcimento dei difetti di adesione dell’intonaco al supporto murario, un’accurata pulitura della pellicola pittorica, e una dettagliata documentazione fotografica, grafica.  “Dopo questo primo step – dichiara Cutigni – procederemo alla stuccatura e alla reintegrazione pittorica. Gli affreschi su cui stiamo lavorando necessitano di una cura particolare, anche a causa dei problemi legati ad infiltrazioni d’acqua verificatesi in passato.”​