Ancora disagi Tua. I pendolari della linea L’ Aquila – Avezzano fermi sotto il sole in autostrada



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Nuovi disagi per i pendolari che da L’Aquila avrebbero dovuto far rientro ad Avezzano.

Oggi, alle ore 13.15 circa, un mezzo Tua è rimasto fermo in autostrada poco prima della galleria di Tornimparte.

Secondo quanto riferito da un pendolare della Regione Abruzzo l’autobus che partiva alle 13.15 dal terminal di Collemaggio, ha iniziato a fare fumo nero dalla coda dell’autobus dopo pochi chilometri dalla partenza e si è fermato poco prima della galleria di Tornimparte, sulla corsia di emergenza. A questo punto i passeggeri non hanno potuto fare altro che aspettare l’arrivo della Polizia Stradale e di un pullman sostitutivo, che è arrivato dopo oltre mezz’ora, per poter fare rientro ad Avezzano intorno alle 15, con un ritardo di quasi un’ora e disagi per altri pendolari che hanno perso le coincidenze.

Sempre secondo quanto riferito dal pendolare, tutti i giorni i viaggiatori si ritrovano a dover far fronte a situazioni di vero disagio, con aria condizionata che non funziona e sedili rotti. Il pendolare dice: “Voglio sapere qual’è il valore aggiunto di questo nuovo accorpamento tra aziende private e regionali, visto che continuano ad esserci sempre problemi nel servizio trasporti”.

A tal proposito interviene anche Andrea Tucceri, autista e sindacalista Filc-Cgil di Avezzano, dichiarando che: “Ormai sono anni che denunciamo che il parco macchine è vetusto, con troppi anni di servizio e che manca personale in officina. Il parco macchine è stato abbandonato per anni, sono stati acquistati nuovi autobus, ma che già presentano vari problemi perchè non viene fatta la giusta manutenzione.

Abbiamo chiesto con forza come Cgil regionale e come organizzazioni sindacali, un concorso per meccanici, ma ci è stato risposto che c’era il problema del Decreto Madia che era insormontabile, ma il fatto è che noi effettuiamo un servizio di trasporto pubblico e la politica dovrebbe risolvere questi disagi. Su 105 autobus, ad Avezzano ci sono solo 6 meccanici e 2 capofficina. Da qualche giorno si sono aggiunti 2 interinali, ma resta comunque il fatto che non sono sufficienti per gestire un parco macchine di tale portata.

Come autista, prima che come delegato sindacale, e come utente, sono solidale con i passeggeri perchè spesso si resta a piedi con mezzi che hanno aria condizionata che non funziona, con spie accese e che vanno in avaria. Siamo allo stremo, sia noi che loro. Siamo esasperati e demotivati ed ogni giorno, quando rientriamo in deposito, ringraziamo Dio per non essere rimasti a piedi”.

 

 

 

Inferno Tua. Corse saltate, bus con spie accese, che vanno in avaria e che prendono fuoco




Lascia un commento