Ancora disagi nella palazzina di via Mattarella



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Gli spurghi delle fogne che non funzionano e l’acqua sporca che risale negli appartamenti del primo piano. Non è stata una notte facile quella che si sono ritrovati a vivere gli abitanti della palazzina dell’Ater in via Mattarella.

Questa notte è stato richiesto l’intervento dei vigili del fuoco che hanno dovuto lavorare per rimettere in sicurezza il primo piano da allagamenti che hanno interessato anche il garage dove ieri mattina hanno preso fuoco delle auto. Un incendio che ha bruciato, oltre a tre auto, una moto e dei mobili che erano stati lasciati nel garage, anche i solai, che in parte sono precipitati. “Abbiamo parlato con l’Ater che ci ha detto che i vigili del fuoco hanno dato l’agibilità per rientrare”, dice Daniela Morelli, che abita al primo piano, “ma la situazione è comunque insostenibile. Per il problema degli allagamenti siamo andati al Consorzio acquedottistico che però chiama il Comune”. Una delegazione di abitanti della palazzina per questo motivo si è recata in Comune ed ha incontrato il Primo Cittadino.

“Il sindaco – continua la donna – ha detto che ieri non era ad Avezzano e che quindi non era potuto essere presente, ma che lo hanno rassicurato sul fatto che la palazzina era agibile. Ad ogni modo ieri decine e decine di donne e bambini sono rimasti per strada tutto il giorno senza che nessuno si sia degnato di venire a vedere come stavano e a dare loro un pezzo di pane e una bottiglietta d’acqua”.

Intanto sull’argomento interviene il consigliere comunale Vincenzo Ridolfi, anche vice presidente della commissione per gli alloggi popolari, della provincia dell’Aquila. Ridolfi lancia l’allarme sui mancati controlli nei condomini dove spesso non vengono rispettate le assegnazioni degli alloggi e degli spazi annessi. “Quello che succede nei casi delle occupazioni abusive” dice Ridolfi, “è una responsabilità delle istituzioni che sono chiamate a vigilare ma spesso non lo fanno. Quei mobili in quel posto non ci dovevano stare”. I tecnici del Cam, in queste ore, stanno effettuando un sopralluogo sulla palazzina.




Lascia un commento