fbpx
domenica, 28 , Febbraio

“L’Eccellenza deve ripartire”, il gruppo social fa rumore nelle stanze dei vertici calcistici

Rimbalzo di responsabilità tra gli alti vertici del calcio, che ancora, dopo 4 mesi, si interrogano sulla ripresa dell'Eccellenza, non arrivando mai ad una...

Prima pagina

Ambulatorio di Medicina Integrata Università “d’Annunzio”, aumenta il supporto a distanza per le donne trattate per tumore mammario, ai tempi del COVID-19

L’Ambulatorio di Medicina Integrata della ASL02 di Lanciano-Vasto-Chieti e del Dipartimento di Medicina e Scienze dell’Invecchiamento dell’Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara rimane accanto alle sue pazienti, anche ai tempi del COVID-19, perché la continuità delle cure per il trattamento del tumore mammario è importante.

Fin dai primi momenti della quarantena, l’equipe, sotto la direzione della dott.ssa Simona Grossi e del prof. Giorgio Napolitano, docente di Endocrinologia presso il Dipartimento di Medicina e Scienze dell’Invecchiamento della “d’Annunzio”, ha provveduto all’invio di newsletter settimanali inerenti allo stile di vita, e di feedback telefonici, volti ad assicurare continuità assistenziale alle donne già in trattamento nutrizionale e psicologico, per cercare di tamponare le difficoltà operative generate dalla restrizione globale, necessaria ed utile per la salute pubblica.

Ad essi, col trascorrere dei giorni, si è aggiunta la creazione di video tutorial (https://youtu.be/970DFcraZYo), al fine di ribadire l’importanza della limitazione del tempo giornaliero di sedentarietà, della sua frammentazione e della programmazione delle giornate in senso proattivo, pur in presenza della quarantena

. << Trovare opportunità di movimento e diluirle durante la giornata, nonché opportunità di riduzione dello stress e di gestione nutrizionale, sono messaggi chiave per favorire l’intera salute psicofisica delle donne e per prevenire alcuni dei possibili effetti collaterali delle terapie a cui sono sottoposte a cui si aggiungono quelli della quarantena>> – spiegano la dott.ssa Grossi ed il prof. Napolitano, referenti, la prima per la ASL ed il secondo per l’Università, dell’ambulatorio. A tutto ciò si aggiunge un ulteriore step, la ripresa delle classi di allenamento, sia dell’Ospedale “G. Bernabeo” di Ortona, sia di quelle dell’Ateneo “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara, grazie alla realizzazione di lezioni online, live, di esercizio fisico, da parte dello staff dell’ambulatorio specializzato in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive ed Adattate. Al fine di mantenere gli standard di sicurezza ed efficacia, ovviamente, le lezioni sono condotte con le donne screenate prima dell’inizio della quarantena e di cui se ne era verificata l’idoneità presso la Medicina dello Sport della ASL02 di Lanciano-Vasto-Chieti, mentre, con tutte le donne afferenti all’ambulatorio, si condividono indicazioni trasversali che non siano nocive a nessuna. Infatti, se da un lato, assicurare l’adeguata stimolazione psicofisica, anche attraverso l’esercizio fisico, rappresenta un momento molto importante per le donne trattate per tumore mammario, altrettanto importante è rispettare tutti i passaggi, affinché l’esercizio fisico sia realmente efficace e sicuro, ovvero, affinché l’esercizio fisico sia reale momento di benessere e salute.

Latest Posts

Ultim'ora